Forum Scuola di Modellismo
Benvenuto su Scuola di Modellismo....il cui scopo è condividere idee ed esperienze, mettendole a disposizione di tutti i modellisti.

Per la visualizzazione di tutti i contenuti del forum REGISTRATI!!!!

***Ricorda di leggere il REGOLAMENTO prima di postare un messaggio.***

Potrai partecipare alla chat, ai sondaggi del forum, vedere gli ultimi argomenti e le guide sul funzionamento del forum.

***** Non dimenticare di presentarti! *****

Lo Staff
PER IL NOSTRO FORUM
Documento senza titolo
Chi è online?
In totale ci sono 7 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 7 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 234 il Gio 30 Dic 2010 - 8:51
Novembre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Calendario Calendario

Accedi

Ho dimenticato la password

Dal 24-luglio-2009
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata


Lettera A:

Andare in basso

Lettera A:

Messaggio Da Scubaleo il Ven 1 Gen 2010 - 16:27

A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z



Abbasso:
Tutto ciò che deve essere portato sotto il ponte di coperta.




Abbattere:
Far ruotare la nave intorno al suo asse verticale in modo che essa sia investita dal vento dal lato diverso dal precedente e in modo che nel corso dell'evoluzione la poppa sia posta nella direzione del vento stesso.




Abbisciare:
Disporre la cima in modo tale che si possa svolgere senza difficoltà. (vedi duglia , addugliare)
 




Abbordare:
Affiancarsi di due imbarcazioni fino a toccarsi. Avvicinare, accostare, assalire, arrembare, urtare, investire bordo contro bordo. Di punta, per fianco. Nella collisione l'urto è fortuito; nell'investimento o cozzo può essere volontario; nell' arrembaggio è dovuto ad assalto guerresco.





Abbrivo: (detto anche abbrivio)
Movimento iniziale dovuto alle vele o al motore e quello residuo al cessare dell’azione propulsiva di tali mezzi.




Accollo: (a collo)
Si dice di una vela che con la bugna di scotta al vento viene spinta verso l’albero. Una vela prende a collo per un improvviso cambio di vento. Si fanno prendere a collo le vele per rallentare l’andatura o per arrestare la barca.




Accostolato:
l'insieme delle coste (o costole) d'una nave. (detto anche Corbame)





Acquartierare:
Dare una forte inclinazione alle manovre dormienti, l’apertura delle quali viene detta, appunto, quartiere; in riferimento agli alberi significa dare ad essi una forte inclinazione nel piano longitudinale della nave.




Acquata:
fare acquata: rifornire una nave di provviste di acqua dolce.




Addugliare:
Raccogliere un cavo su se stesso in modo da formare una matassa a spirale; la manovra va effettuata sempre seguendo il verso di torsione del cavo, generalmente in senso orario. Vedi duglia.




Affondatoio:
Dispositivo per liberare istantaneamente i serrabozze che trattengono l'ancora all'impavesata e dare fondo all'ancora (vedere anche serrabozze).
Immagine da "Il Grande Libro dei Modelli Navali" di O.Curti ed.Mursia





Afforcarsi:
ormeggiare la nave con due ancore divaricate.




Afforco o barba di gatto:
ormeggio di una nave con due ancore di prua poste in modo da limitare gli spostamenti della nave stessa per il vento e le correnti.




Affusto:
Il supporto su cui è poggiata la canna del cannone. Solitamente con ruotine per facilitarne gli spostamenti (pesavano parecchio i cannoni). Si veda anche Trincatura.





Agghiaccio o aggiaccio:
sinonimo di barra del timone o meccanismo che agisce direttamente sull'asse del timone per orientare la pala come comandato dal timoniere.





Aggottare o gottare e sgottare:
Togliere l'acqua dal fondo di una nave tramite un secchio o una sassola .




Aghetto:
pezzo di sagola con un occhio o una gassa a un'estremità ed una coda di ratto all'altra usato per legature provvisorie.




Agugliotto:
Perno di una cerniera; quest'ultima è detta femminella nel caso di un timone appeso allo specchio di poppa.
 




Alabasso
qualunque manovra corrente destinata ad ammainare alcune vele,fiocchi e di strallo e genericamente a far scendere o ad abbassare bandiere,segnali e parti dell'alberatura.




Alaggio:
operazione mediante la quale un’ imbarcazione viene tirata in secca.





Alare:
(verbo) dal francese haler. Generalmente, tirare una cima, una corda, un cavo.




Alberante:
Nei velieri con molte manovre, onde evitare che una di queste venisse erroneamente scambiata con un'altra, un membro dell'equipaggio detto alberante, esperto nelle manovre, veniva messo di guardia alla pazienza.





Alberare:
porre in opera l'alberatura di una nave.




Alberatura / Albero:
Gli alberi danno il sostegno alle vele, trasferendone la forza del vento allo scafo.
I componento dell'albero sono: piede, maschio (nei minori: rabazza), fusto, conocchia o noce, maschette, costiere, crocette, colombiere, testate, dado, testadimoro. Nel Medioevo gli alberi prendevano nome diverso a seconda della posizione: albero di proda, di mezzo e di retro. Gli alberi attrezzati per le vele quadre constano di tre parti: tronco o fuso maggiore, quella inferiore e più grossa; albero di gabbia, quella mediana e smontabile; alberetto, l'estremità superiore, anch'essa smontabile. Queste tre parti assumono nomi diversi a seconda dell'albero (di maestra, di mezzana, di trinchetto) cui appartengono:
- tronco o fuso maggiore di maestro, albero di gabbia, alberetto di maestra o di gran velaccio
- tronco o fuso maggiore di mezzana, albero di contro-mezzana, alberetto di mezzana o di belvedere
- tronco o fuso maggiore di trinchetto, albero di parrocchetto, alberetto di trinchetto o di velaccino
Albero di maestra: Quello verticale più grande, a poppa nelle navi a due alberi, e in quelle a tre un poco a poppavia del centro.
Albero di mezzana: Quello più piccolo, di poppa, nelle navi a tre o a due alberi; detto anche Palo se non è a vele quadre. Nel caso di quei velieri a due alberi il cui albero prodiero prende il nome di Maestra, si dà il nome di Mezzana o Mezzanella all'albero di poppa.
Albero di trinchetto: Quello verticale di prua nei velieri a due alberi; detto, eccezionalmente, di maestra nei velieri a due alberi, con quello di prua situato quasi nel centro.
Albero di gabbia: La parte media dell'albero di maestra che si sovrappone al tronco maggiore di maestra.
Albero di contromezzana: La parte media dell'albero di mezzana che si sovrappone al tronco maggiore di mezzana.
Albero di parrocchetto: La parte media dell'albero di trinchetto che si sovrappone al tronco maggiore di trinchetto.
Altre dizioni di albero:
Albero latino: Che porta vele latine.
Albero quadro: Che porta vele quadre.
Albero a pible: Quello di un solo pezzo, senza coffa né barre, per vele quadre oppure auriche; nei piccoli velieri. (Dal francese: mât à pible).
Albero a chiave: Ciascun albero minore, se fermato con la chiavarda sopra la testata del sottostante.
Albero composto (o imbottato o artificiale): Quello composto ad arte, stringendo insieme, dentro cerchi di ferro, più travi squadrate e chiodate, fino a raggiungere la grossezza e lunghezza volute. Il pezzo Interno, a sezione poligonale, si chiama l'Anima; quelli aggiunti: Fattoni.
Albero a crocette: Quell'albero minore sghindato sul maggiore, sprovvisto di coffa. con le sole crocette per le sartie minori.
Albero di fortuna: Quello improvvisato per sostituire gli altri perduti o spezzati.
Albero lapazzato: Quello composito. V. Lapazza.
Albero sverzato: Quello chiuso con sverze.
Albero volante: V. Palischermo.
Albero di carico o Picco di carico: Quello, inclinato e girevole, situato presso i boccaporti, che, con un sistema funicolare, nelle navi mercantili carica e scarica le merci, nelle navi da guerra alza a ammaina le grandi imbarcazioni. Anche Bigo da carico.
Albero militare: Nome generico degli alberi metallici delle navi da guerra a propulsione meccanica. Per lungo tempo, dopo l'abbandono della propulsione a vela per le navi destinate al combattimento navale, gli alberi militari furono costituiti da un semplice grosso fusto d'acciaio opportunamente rinforzato e sorretto, nel modo tradizionale, mediante sartie e paterazzi metallici. Si ebbe cosi l'Albero militare comune, sostituito poi dall'albero a traliccio.
Albero a traliccio: Albero militare ideato dalla Marina degli U.S.A. con lo scopo di aumentare la resistenza. Il primo modello a struttura piramidale retiforme, poi sostituito con un gruppo di pali inclinati come a formare l'ossatura di una piramide. A seconda del numero di tali supporti (volpi) si chiama a tripode, a quadripode, a pentipode. Quest'albero porta la coffa militare con le stazioni di osservazione a direzione del tiro. (Bardesono).
Albero a manovelle o Albero motore: Quell'organo delle macchine motrici marine alternative e di quelle a combustione interna, che unisce su di una sola linea la manovella, e, ricevendone il movimento di rotazione, lo trasmette all'albero o asse dell'elica. (Bardesono).
Albero o Asse dell'elica o portaelica: A poppavia dell'albero a manovella, alla cui estremità, uscente dal dritto dell'elica, é calettato il propulsore elica.

Lo schema semplificato si riferisce a una tipica fregata inglese del 1730.

Legenda:
1 albero di bompresso 2  pennone di civada  3  albero trinchetto4  pennone di trinchetto
5  albero di parrocchetto 6  pennone di parrocchetto
7  alberetto di velaccino  8  pennone di velaccino
9  albero maestro  10 pennone di maestra 11 albero di gabbia 12 pennone di gabbia
13 alberetto di velaccio 14 pennone di velaccio 15  albero di mezzana 16 pennone di mezzana  
17 Pennone di contromezzana  18 boma  19 picco
Si riporta la traduzione in inglese realtiva a alberi e pennoni principali:

ALBERI E PENNONI (MASTS AND SPARS)

1. Fuso maggiore di trinchetto — fore lowermast
2. Albero di parrocchetto — fore topmast
3. Alberetto di velaccino — fore topgallantmast
4. Alberetto di controvelaccino e di controvelaccino — fore royal and fore skysailmast
5. Fuso maggiore di maestra — main lowermast
6. Albero di gabbia — main topmast
7. Alberetto di gran velaccio — maintopgallant mast
8. Alberetto di controvellaccio e di controvelaccio — main royal and mainskysail mast
9. Fuso maggiore di mezzana — mizzenlower mast
10. Albero di contromezzana — mizzentopmast
11. Alberetto di belvedere — mizzen topgallant mast
12. Alberetto di controbelvedere e di controbelvedere— mizzen royal and mizzen skysail mast
13. Pennone maggiore di trinchetto — foreyard
14. Pennone di parrocchetto fisso — forelower topsail yard
15. Pennone di parrocchetto volante — foreupper topsail yard
16. Pennone di velaccino fisso — fore lowertopgallant yard
17. Pennone di velaccino volante — foreupper topgallant yard
18. Pennone di controvelaccino — fore royalyard
19. Pennone di decontrovelaccino — foreskysail yard
20. Pennone maggiore di maestra — mainYard
21. Pennone di gabbia fissa — main lowertopsail yard
22. Pennone di gabbia volante — mainupper topsail yard
23. Pennone di (gran) velaccio fisso — mainlower topgallant yard
24. Pennone di (gran) velaccio volante —main topgallant yard
25. Pennone di controvelaccio — main royalyard
26. Pennone di decontrovelaccio — mainskysail yard
27. Pennone maggiore di mezzana — crossjackyard
28. Pennone di contromezzana fissa — mizzenlower topsail yard
29. Pennone di contromezzana volante —mizzen upper topsail yard
30. Pennone di basso belvedere — mizzenlower topgallant yard
31. Pennone di belvedere volante — mizzen topgallant yard sail boom
32. Pennone di controbelvedere — mizzen royal yard
33- Pennone di decontrobelvedere — mizzen skysail yard
34. Picco — gaff
35. Boma della randa (di mezzana) — gaff upper
36. Asta di controfiocco — flying-jibboom
37. Asta di fiocco — jibboom
38. Pennaccino — martingale boom dolphin striker
39. Bompresso — bowsprit




Alberetto:
Nome del fuso superiore di ogni albero, viene distinto in base alle vele che vi corrispondono (alberetto di velaccino, alberetto di velaccio, alberetto di belvedere e di controbelvedere).





Albero a calcese:
Quello di un solo pezzo, in legno, recante sull'estremità superiore (a sezione quadrilatera) una cavatoia provvista di puleggia per il passaggio della drizza della vela; nei piccoli bastimenti a vele latine e sulle barche a remi, alberatura smontabile.





Albero di bompresso:
Quello non verticale, sporgente fuori prua, nei velieri, su cui si distende il lato inferiore delle vele triangolari dette Fiocchi. Se grande, si compone di tre parti: la maggiore (bompresso) fissata alla prua; la mediana sovrapposta (asta di fiocco); la terza risovrapposta (asta di controfiocco). Incappellatura del bompresso.





Albero di bonaventura:
Piccolo albero a poppa dell'albero di mezzana in uso su vascelli e cocche fino al 17° secolo.





Aleggio: (anche allievo, lèggio e spina)
foro otturabile posto nella parte inferiore di una imbarcazione per scaricare l'acqua quando è in secco.




Aletta:
Le alette ricevono le teste di tutti i gaisoni e formano i contorni curvi della pettiera. (vedi Arcaccia)




Allunamento:
curva secondo la quale è tagliato ogni lato di una vela.




Aloni:
Rinforzi trasversali alla scassa degli alberi in corrispondenza del paramezzale.





Alzaia: (anche  falsobraccio)
cima con cui i natanti vengono rimorchiati da terra in una via d'acqua.




Alzana
grossa cima usata per il tonneggio. Alzanella: cima di tonneggio delle navi minori.




Amante: o Mante o Imante
paranco costituito da una cima fissa e da un'altra passata in un bozzello mobile a una sola via.




Amante-senale:
sistema funicolare composto da un paranco a più vie e un paranco semplice usato generalmente per issare le antenne delle vele latine con albero a calcese.





Amantiglio:
Manovra corrente utilizzata per sostenere le estremità di un'asta (Boma. Tangone, Pennone ecc.). Assume il nome dell'asta alla quale è fissata :amantigli di maestra, di trinchetto, di parrocchetto, di velaccio ecc. Corre parallelamente all'albero come le drizze.





Ammainare:
Termine marinaresco indicante il far scendere un oggetto, lasciando scorrere, a mano o con l'aiuto di un paranco, il cavo cui è fissato. Lo si usa quindi riferendosi a pennoni, vele, bandiere e merci.
E' l'opposto di issare o alzare.




Anca:
la parte del naviglio di qua e di là presso la poppa, tra il parasartie di mezzana e la poppa.





Ancora:
Dispositivo impiegato per l'ormeggio di navi, imbarcazioni e galleggianti.  L'ancora è conformata in modo da fare presa sul fondo e trattenere così il natante a essa collegato per mezzo di un cavo o di una catena.





Ancora gallegiante:
Cono di tela con due sagole alle due estremita. Serve per non fare" scorrazzare" l'imbarcazione e viene utilizzata quando si da fondo. Si mette in acqua di poppa mettendola in forza in modo che l'ancora di prua sia tesa. Il recupero dell'ancora avviene dal cono più piccolo. L'ancora galleggiante veniva usata anche per frenare
la corsa di una nave trascinata dal vento in caso di tempesta in una direzione pericolosa o contraria alla rotta desiderata.




Ancorare:
Gettare l'ancora a fondo per fermare il bastimento.




Andatura:
direzione di avanzamento della barca rispetto al vento; assume nomi differenti man mano che il vento ruota passando da prua verso poppa (bolina stretta: 40-45 gradi al vento apparente; bolina: 45-55 gradi; bolina larga: 60-80 gradi; traverso: 90 gradi; lasco: 100-130 gradi; gran lasco: 140-170 gradi; poppa pieno o fil di ruota: 180 gradi).





Anguilla:
1) Scanalatura praticata nell'accostolato, che mette in comunicazione le maglie per favorire lo scolo delle acque. Le tavole copri-canale postevi sopra ne consentono la pulizia mediante una catenella stabilmente impegnata nel canale detto Ombrinale di Stiva (anche canale delle bisce), formato dalla seguenza delle scanalature. Le acque raccolte venivano espulse mediante le pompe di sentina.
2) Trave corrente longitudinalmente sostenuta dai puntali (o puntelli) e collegata ai bagli.





Antenna:
Lunga asta di legno che veniva alzata obliquamente sugli alberi.





Antenna della vela latina:
praticamnente è il pennone della vela latina. può essere composta da piu' pezzi sovrapposti uniti da legature.
nella zona di contatto con l'albero è posta una fasciatura anti usura di corda o cuoio. la parte bassa dell'antenna è detta carro, mentre la parte alta è detta penna.





Antennale:
il lato della vela latina o delle rande inferito all'antenna o al picco.





Apostolo:
parte superiore di ogni scalmo della zona prodiera delle navi munite di bompresso.
(vedi anche Ordinata)




Arcaccia:
L'Arcaccia è l'insieme dei pezzi d'ossatura che costituiscono la parte poppiera della carena al di là dell'ultimo quinto. E' fondata su di un pezzo leggermente inclinato detto dritto, incrociato da elementi orizzontali le cui estremità fanno capo all'aletta.





Argano o Cabestano:
apparecchio di trazione con asse verticale impiegato sulle navi per l'ancoraggio e per altre manovre.





Arridare:
Dare la necessaria tensione alle corde di canapa o metalliche, chiamate "manovre fisse" o "dormienti" (sàrtie. stralli, draglie ecc). Tendere le manovre correnti si dice invece tesare.




Arridatoio:
Attrezzo metallico a doppia vite per tendere sartie e paterazzi dalla loro estremità inferiore.





Arsenale: 1) Arsenale;  2)Modello in Arsenale;
1) Luogo ove si fabbricano o raddobbano i bastimenti da guerra , nonchè tutti gli attrezzi necessari.
1a) Un arsenale è un insediamento adibito alla costruzione, alla riparazione, all'immagazzinamento e alla fornitura delle armi e delle munizioni.
La parola "arsenale" proviene dall'arabo daras-sina'ah ovvero "casa d'industria" da cui derivano, attraverso la mediazione del veneziano, le parole darsena e, appunto, arsenale. La diffusione del termine in altre 14 lingue la si deve poi all'enorme popolarità che l'Arsenale di Venezia (che fu di fatto la prima fabbrica al mondo) ottenne negli ultimi anni del XVI secolo (periodo di massima operosità), quando i 16.000 operai occupati entro le sue mura merlate vararono ben 100 navi in soli due mesi, impressionando tutta l'Europa.
Un arsenale di prima classe, che poteva rinnovare materiali ed equipaggiamento di un grande esercito, comprendeva una fucina per cannoni, una fabbrica di carri, un laboratorio per le armi leggere e la produzione di munizioni, una fabbrica di armi leggere, una fabbrica di tende, sellerie e finimenti e una fabbrica di polvere da sparo. Oltre a ciò doveva possedere ampi magazzini. In un arsenale di seconda classe le fabbriche erano rimpiazzate da laboratori. La situazione di un arsenale dovrebbe essere governata da considerazioni strategiche. Un arsenale di prima classe doveva essere situato nella base di operzioni e rifornimento, al sicuro dagli attacchi, non troppo vicino al confine, e in posizione tale da potervi far affluire rapidamente le risorse della nazione. L'importanza di un ampio arsenale era tale che le sue difese dovevano essere della stessa scala di quelle di una grossa fortezza.

Solitamente un grande arsenale era suddiviso in:

   * A - Magazzinaggio
   * B - Costruzione
   * C - Amministrazione

Al punto A si dovevano avere i seguenti dipartimenti e magazzini: Dipartimenti di spedizione e ricevimento, armeria, rimessaggio, briglie, selle e finimenti, equipaggiamento da campo, attrezzi e strumenti, magazzino ingegneristico, legnaia, magazzino scarti.

Al punto B si dovevano avere: fabbrica cannoni, fabbrica carri, laboratorio, fabbrica armi leggere, fabbrica tende e finimenti, fabbrica polvere da sparo, ecc. In un arsenale di seconda classe erano presenti laboratori invece che fabbriche.

Al punto C, sotto il capo dell'amministrazione, si trovavano il direttore capo dell'arsenale, funzionari civili, ufficiali, sottufficiali e artificeri, capireparto, operai specializzati e operai civili, con gli impiegati necessari al lavoro di ufficio.

2) Modello in ARSENALE:
Cosa significa "modello d'arsenale o d'Ammiragliato"?.
Sia ai tempi dei Velieri e fino ad oggi, prima di intraprendere un Cantiere di costruzione Navale, si realizzava un modello in scala della Nave che doveva nascere.
Dettagliato nei minimi particolari, il maestro o i maestri d'ascia che realizzavano il modello sotto commissione, lo presentavano al consiglio "Armatore" quindi agli Ammiragli!.......... da qui il nome Ammiragliato!




Artimone (albero di):
Sinonimo per albero di mezzana.




Aspa:
Nome specifico delle aste o barre con le quali si facevano girare i cabestani e poi per estensione passato a ogni leva o manovella usata a bordo.





Assiometro:
Detto anche indicatore di barra è lo strumento, costituito da un indice, che indica l'angolo di barra dato al timone.
Tale indice si muove su una scala graduata (generalmente circolare e dipinta con il verde nella parte dritta e con il rosso sulla sinistra) e consente al timoniere di conoscere l'angolo che la pala del timone forma con l'asse longitudinale della nave.





Asta di murata:
L'asta di murata o asta di posta, con nave alla fonda e in acque non necessariamente calme, serve per mantenere una lancia accostata senza che sbatta sullo scafo. Al momento del bisogno, con l'aiuto di una biscaglina un marinaio poteva scendere sulla scialuppa.





Aurico:
Tipo di armo costituito da rande trapezoidali per tre lati fissate all'alberatura.





Avviso:
Tipo di piccola nave da guerra, dapprima con propulsione a vela, poi a motore (con sistema a ruota o a elica), destinata, in passato, al servizio di esplorazione, di crociera e di comunicazione; in particolare:
- avviso di scorta, per la scorta del naviglio militare
– avviso stazionario, per servizio per lunga permanenza in acque lontane, coloniali o straniere.




Ultima modifica di brggpl il Mer 17 Set 2014 - 8:28, modificato 10 volte (Motivazione : anca e ancora 7-9-14. assiometro 17-9-14)

_________________
Un capitano non abbandona mai la propria nave!
Prendi una canzone triste e rendila migliore.

Regolamento Forum: http://www.forumscuoladimodellismo.com/regolamento-f8/regolamento-del-forum-t274.htm
Guida pubblicazione video e immagini: http://www.forumscuoladimodellismo.com/guida-alla-pubblicazione-delle-immagini-f12/
E-mail amministrazione: info@scuoladimodellismo.it

Lo Staff di Scuola di Modellismo:


avatar
Scubaleo
Amministratore
Amministratore


Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum