Forum Scuola di Modellismo
Benvenuto su Scuola di Modellismo....il cui scopo è condividere idee ed esperienze, mettendole a disposizione di tutti i modellisti.

Per la visualizzazione di tutti i contenuti del forum REGISTRATI!!!!

***Ricorda di leggere il REGOLAMENTO prima di postare un messaggio.***

Potrai partecipare alla chat, ai sondaggi del forum, vedere gli ultimi argomenti e le guide sul funzionamento del forum.

***** Non dimenticare di presentarti! *****

Lo Staff
PER IL NOSTRO FORUM
Documento senza titolo
Chi è in linea
In totale ci sono 11 utenti in linea :: 0 Registrato, 0 Nascosti e 11 Ospiti

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 234 il Gio 30 Dic 2010 - 8:51
Aprile 2017
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Calendario Calendario

Accedi

Recuperare la parola d'ordine

Dal 24-luglio-2009
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata


Cannoni ad avancarica e retrocarica

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Cannoni ad avancarica e retrocarica

Messaggio Da marioandreoli il Lun 17 Apr 2017 - 14:45

Sulla monografia de La Belle il Boudriot esprime il concetto che per sparare da un bordo è indispensabile spostare l'alberatura di riserva  sul bordo opposto e mettere a traino la scialuppa.



Operazioni che mi sembrano dettate dalla non conoscenza delle movimentazioni sul ponte in caso di battaglia. Pensate che all'avvistamento di una nave nemica armata bisognerebbe sganciare la scialuppa, togliere l'invaso dove alloggia ammararla, slegare i cannoni posti paralleli alla murata postarli e imbragarli sul sabordo, caricarli e indi porli pronti al fuoco. Mi sembrano troppo ferruginose tali manovre.
A suo tempo su altro forum furono aperte due discussioni sia sui cannoni Paixhans sia sulle carronate russe, che ebbero un ottimo seguito e dalle quali ho imparato molto andando ad acquistare e leggere libri che altrimenti non averi ami avuto.
Quindi apro qui una discussione sui cannoni a retrocarica sperando di ottenere notizie che confermino e come era il loro utilizzo in marina tra il 1500 e il 1700.
Per esempio su questo disegno vengono illustrati cannoni ad avancarica.



Mi sapete dire come sarebbe stato possibile movimentarli con il ponte ingombro di strutture inamovibili?
Esempio di cannone a mascolo



esempio di cannone ad avancarica



Che ne dite se approfondiamo la questione?
Ciao
Mario


Ultima modifica di marioandreoli il Lun 17 Apr 2017 - 16:23, modificato 1 volta
avatar
marioandreoli
Forumnauta
Forumnauta


Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cannoni ad avancarica e retrocarica

Messaggio Da Dioramik il Lun 17 Apr 2017 - 15:37

Per me interessante!
Assorbo tutto con estremo interesse ma non ci capisco molto quindi seguo ma senza dare un vero contributo. Smile
avatar
Dioramik
Nuovo Utente
Nuovo Utente


Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cannoni ad avancarica e retrocarica

Messaggio Da marioandreoli il Lun 17 Apr 2017 - 20:31

Non penso di sbagliarmi, ma ritengo che fin dai tempi antichi si fosse pensato di lanciare dei proiettili (sono stati rinvenuti proiettili in bronzo, talvolta con iscrizioni nel caso dei conflitti civili di carattere decisamente propagandistico, e quindi implicita dimostrazione della diffusione dell'alfabetismo, almeno in ambito militare), talvolta a uso specialistico. Per esempio attorno al Vallo di Adriano i romani usavano spesso proiettili con un buco e uno spazio contenente una più piccola biglia, in modo che il proiettile fischiasse terrorizzando i nemici. N.d.r. Nelal seconda guerra mondiale su suggerimento del Generaloberst (colonnello generale) Ernst Udet, capo del servizio tecnico della Luftwaffe (ma secondo altri l'idea fu dello stesso Adolf Hitler), sugli Stuka furono montate delle sirene azionate dal flusso dell'aria, chiamate "trombe di Gerico", il cui suono aveva effetti devastanti sul morale dei soldati nemici e della popolazione civile (l'idea fu ripresa da alcune unità dell'aviazione statunitense fino ai tempi della guerra in Corea)



Questo attrezzo era una fionda detta frombola e il fromboliere è colui che la usa. Il fromboliere più conosciuto è il re biblico Davide che con una frombola uccise il gigante Golia.



Intanto si era pensato di sostituire l'uomo nel lancio di pietre e furono inventati: la catapulta, il mangano, il trabucco o trabocco. Quest'ultimo era una macchina d'assedio di grandi dimensioni. Può essere considerato una sorta di catapulta, limitata però dalle sue dimensioni e dalla posizione fissa. Inoltre rinuncia alla propulsione elastica del proietto per utilizzare invece il principio della leva; si tratta infatti di un'applicazione pratica del principio della leva svantaggiosa di primo genere. Utilizzato esclusivamente negli assedi, era la più grande arma a tiro indiretto a disposizione degli eserciti medioevali.



I frombolieri cessarono di esistere nel Medioevo, quando la tecnica di costruzione delle armi rese più conveniente e più facile addestrare all'uso degli archi e delle balestre.
Questi però lanciavano proiettili diversi e quindi furono realizzate, grazie all'evento della polvere da sparo, le petriere che lanciavano pietre senza l'ausilio della forza umana o di leve come il trabucco piuttosto macchinoso.
Ora andrò in cerca di elementi sulla petriera.
Tra i pezzi a retrocarica troviamo a Venezia
- il moschetto da braga da 1 libbra, con un calibro di circa 45 mm e lungo intorno
al metro
- la petriera da mascolo e la petriera da braga da 6 libbre con 70 mm di calibro
e una lunghezza, codetta esclusa, di circa 1 metro;
- la petriera da braga da 12 libbre con un calibro di 95 mm e una lunghezza di
130 cm circa. Tutti i pezzi a retrocarica erano dotati di almeno due o tre mascoli,
specie di otturatore mobile a forma di boccale destinato a contenere la
carica di lancio ben chiusa da un tappo di legno; quelli da braga presentavano
in culatta un’armatura di ferro deputata ad accogliere e trattenere il mascolo.
Negli altri, meno comuni, la canna presentava in culatta un prolungamento
aperto superiormente per l’introduzione e il posizionamento del mascolo.
Tutti questi dati si riferiscono alle artiglierie di produzione statale e destinate
ad impiego militare navale e terrestre; i dati relativi a quelle prodotte per i
civili e destinate ad armare le imbarcazioni mercantili, su cui ancora non disponiamo
di sufficienti notizie, potevano variare nella lunghezza e nel peso in rapporto
alle particolari specifiche indicate dal committente. Alcuni documenti
testimoniano l’esistenza di cannoni petrieri ad avancarica di calibro mediogrosso
ma si tratta di casi non frequenti32: in una importante opera a stampa
della seconda metà del secolo troviamo elencati cannoni petrieri da 250, 200,
100 e 30 libbre.
Intanto posto due foto di petriere tratte dallo studio "Artiglierie navali in ambito veneziano: tipologia e tecniche di realizzazione di Marco Morin





Ciao.
Mario
avatar
marioandreoli
Forumnauta
Forumnauta


Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cannoni ad avancarica e retrocarica

Messaggio Da marioandreoli il Mar 18 Apr 2017 - 8:22

Altra artiglieria navale veneziana.











Faccio presente che le petriere, almeno quelle veneziane, furono utilizzate per molto tempo dopo il XVI secolo tanto da ritenere che si abbia avuto una standardizzazione di forme e calibri destinata, con lievi modifiche, a durare fino alla prima metà del XVIII secolo, tanto che il Boudriot ha pensato di installarle sulla Belle che in effetti è stata partorita nella seconda metà del secolo successivo.
Faccio presente inoltre che René Cavelier Signore de la Salle parti dal porto di La Rochelle, in Francia nel luglio del 1684, diretto al Golfo del Messico.
Le altre tre navi erano: Le Joly vascello a tre alberi dotato di 34 cannoni, L'Aimable era un flauto adibita al trasporto , la Sant-Francois un ketch, piccola imbarcazione a due alberi. Se il Boudriot ha ritenuto di poter dubitare sulla presenza dell' artiglieria sulla Belle facile che avesse pensato che bastavano i cannoni della Joly.
C'è però da sottolineare che gli spagnoli a suo tempo recuperarono "numerosi cannoni di marina (senza però specificare di che natura fossero n.d.r.) e attrezzature della nave, non potendo però recuperare il carico sommerso delle stive". Pag 22 della monografia
In base a questa asserzione sembrerebbe che I cannoni recuperati fossero installati sul ponte.
Di conseguenza la Belle avrebbe dovuto essere armata.
Ciao
Mario
avatar
marioandreoli
Forumnauta
Forumnauta


Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cannoni ad avancarica e retrocarica

Messaggio Da marioandreoli il Gio 20 Apr 2017 - 21:01

L'utilizzo di cannoni ad avancarica (3 libbre) è possibile solo sparando da un bordo,  dopo aver sgomberato il ponte amarrando la scialuppa, spostando il ricambio degli alberi sul bordo opposto e svincolando dal interno della murata i cannoni piazzandoli dopo averli caricati nei sabordi. Mi sembra un operazione abbastanza intricata e ferruginosa.
L'utilizzo di cannoni a retrocarica mi sembra una supposizione  più inerente alla realtà, in quanto non abbisognano di movimentazione sul ponte e quindi tutte le strutture ivi postate non debbono essere rimosse ed i cannoni possono essere già postati davanti ai propri sabordi ovviamente chiusi.
Sorge il dubbio se cannoni a retrocarica fossero ancora in uso nel 1684. Probabilmente in effetti  il cannone più  piccolo disponibile era quello da 3 libbre in ferro, ma anche questo era decisamente molto ingombrante  e, comunque, era ad avancarica: nel volume ARTILLERIE DE MER – FRANCE 1650-1850   gli unici pezzi a retrocarica a mascolo che vengono citati sono le colubrine (o petriere a retrocarica) da murata e/o per piccole imbarcazioni, largamente in uso nel ‘600 ma dismesse tra la fine del XVII secolo e l’inizio del ‘700.
Unica eccezione (che conferma la regola?) sembrerebbe un cannone a retrocarica da 2 libbre del 1730 circa, lunghezza totale di canna di 103cm, la cui foto è nel volume  NAVAL GUNS di Hans Mehl, ma è un cannone olandese di cinquant’anni posteriore al periodo di cui stiamo parlando e non c'è  traccia di cose del genere né sul volume di Boudriot né in quello di Caruana.



Comunque il 1684 viene prima del 1700 e se viene ricordato che la retrocarica fosse stata dismessa all'inizio del 1700 La Belle risulta entro il periodo d'uso di detta arma.
Inoltre essendo veneziano non posso dimenticare le galeazze.
L'unico disegno d'epoca in mio possesso è questo.



dove si vedono chiaramente vari pezzi di cannoni a retrocarica unica artiglieria utilizzabile in quel tipo di imbarcazione
La galeazza era  dotata di 3 alberi a vele quadre (le più grandi avevano 4 alberi), castello di prua, castello di poppa  e due ponti. Poteva portare dai 32 ai 46 banchi di rematori (remi a scalaccio) e montare 36 grossi cannoni, più altri di minor dimensione.
La galeazza era sviluppata sulla base di larghe galee mercantili dette galee grosse, da tempo non più convenienti in seguito alla riduzione dei traffici mediterranei. Poiché venivano convertite per l'uso militare dovevano essere tendenzialmente alte e larghe (anziché leggere); montavano un elevato numero di cannoni, che venivano posizionati per la maggior parte lungo i lati sparsi qua e là tra i remi e nel castello di prua.
Il modello della galeazza venne sviluppato dalla Repubblica di Venezia che riuscì quindi ad ottenere navi che potevano competere con le galee ordinarie.
Ne vennero costruite relativamente poche, ma ebbero comunque molta importanza. La loro prima apparizione fu nella battaglia di Lepanto del 7 ottobre 1571, durante la quale furono schierate sei galeazze veneziane come avanguardia al comando del provveditore Francesco Duodo. La loro potenza di fuoco e l'essere alte di bordo furono determinanti nel portare alla vittoria la flotta cristiana. Le galeazze vennero apprezzate anche dal grande ammiraglio veneziano Francesco Morosini, tanto che una di queste imbarcazioni fu da lui scelta come ammiraglia della flotta. Quattro galeazze, atte a tenere il mare, accompagnarono anche l'Invincibile Armata nel 1588 (ad es. La Girona).
Le acque poco profonde, le coste frastagliate, il clima mite e i venti debolmente variabili del Mediterraneo permisero alle galee e alle galeazze di sopravvivere fino agli inizi del XVIII secolo.
Quindi La Belle rientra in tale periodo.
Ciao
Mario
avatar
marioandreoli
Forumnauta
Forumnauta


Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cannoni ad avancarica e retrocarica

Messaggio Da Picelli Bruno il Ven 21 Apr 2017 - 18:04

Molto molto interessante. Grazie
avatar
Picelli Bruno
Forumnauta
Forumnauta


Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cannoni ad avancarica e retrocarica

Messaggio Da marioandreoli il Sab 22 Apr 2017 - 8:29

Grazie Bruno.
A seguito di dubbi che mi perseguitano, ho interpellato l'amico Federico Ostan autore assieme a Giancarlo Bassi del Centro Studi e Ricerche Navali dell'Assciazione Navimodellisti Bolognesi della monografia della Palinuro e di due bellissimi e splendidi volumi: "Costruiamo un Modello di Nave a Vela". Questi due ricercatori stanno componendo un terzo volume dedicato all'artiglieria navale e per questo ho posto questo quesito.
"Ho iniziato una discussione sul uso di cannoni ad avancarica e a mascolo a retrocarica. Il Boudriot su la monografia de La Belle critica l'uso di cannoni ad avancarica ma li disegna ugualmente, inserendo nel disegno petriere sul capodibanda. Ho avuto sempre dubbi quando ho realizzato alcuni modelli, ma il Boudriot mi li ha in parte sollecitati. Ora anche sul tuo II volume a pag. 407 c'è il disegno in pianta della Revenge.



Ci sono disegnate petriere sui capidibanda e cannoni ad avancarica sul ponte. Passi su La Belle, che ha solo 3 cannoni per bordo, ma qui mi sai dire come si movimentano i cannoni per la ricarica? E' impossibile perché il loro arretramento è inficiato dalle strutture esistenti sul ponte. Mi sai dare una soluzione plausibile del perché non usano cannoni a mascolo e a retrocarica che all'epoca della Revange erano indubbiamente in uso?
Ho ricevuto pertanto questa risposta:
In tutta sincerità, non credo di poter risolvere il tuo dubbio che, detto tra noi, è anche il mio da sempre.
Esaminiamo La pubblicazione dell’Hachette ed i cannoni de La BELLE
Inutile dire che, per poter parlare (nel bene e nel male) di queste pubblicazioni, quando ne viene fuori una nuova compro sempre i primi fascicoli e così ho fatto anche questa volta (ho appena acquistato il terzo)
Alcune settimane fa, dopo aver acquistato il primo fascicolo ed in attesa del secondo, ho curiosato un po’ in giro per internet ed ho trovato il forum (se ricordo bene  modellismo.net o qualcosa del genere),  ho speso un mezzo pomeriggio a leggere le varie pagine con le “diversificate  elucubrazioni” di gente varia e, ancora una volta, ho trovato conferma alla mia (ben radicata) opinione che evidentemente c’è in giro un sacco di gente che …….vabbè, lasciamo perdere.
Ho visto anche un paio di tuoi interventi che, assieme ad alcuni (pochissimi) altri,  mi sono sembrati esprimere cose ragionevoli
Mi dici che si sta parlando dei cannoni e, in effetti, direi che lo stesso Boudriot ha lasciato dei grossi (anzi,enormi)  dubbi  al riguardo
Nel secondo fascicolo dell’Hachette, pubblicato all’inizio di Aprile, c’era il cannone e, come l’ho visto, ho iniziato a fare dei controlli sui disegni e libri vari
La   Nota sull’artiglieria  alla pag. 103 della monografia di Boudriot dice già tutto ma, in realtà…… non conclude nulla.
Nella monografia c’è il disegno del cannone e, se si accettano le note che ha scritto lo stesso autore, va bene così.
Però, a voler essere “pignoli” (e noi modellisti a volte lo siamo in maniera morbosa) nasce la domanda se  la BELLE era armata o meno e, se era armata, qual’era il cannone più piccolo disponibile?
Chiaramente i sabordi c’erano, ma erano armati?
Probabilmente in effetti  il cannone più  piccolo disponibile era quello da 3 libbre in ferro, ma anche questo era decisamente molto ingombrante  e, comunque, era ad avancarica: nel volume ARTILLERIE DE MER – FRANCE 1650-1850   gli unici pezzi a retrocarica a mascolo che vengono citati sono le colubrine (o petriere a retrocarica) da murata e/o per piccole imbarcazioni, largamente in uso nel ‘600 ma dismesse tra la fine del XVII secolo e l’inizio del ‘700.
I pezzi di “grosso calibro” a retrocarica a mascolo erano sicuramente in uso tra la fine del XV secolo e (forse) fino ai primi decenni del ‘600, ma poi (direi) furono sostituiti da quelli a avancarica dato che la “culatta a bicchiere” non garantiva certo una buona tenuta e si aveva quindi una perdita di gas che, per dare una sufficiente “spinta” alla palla,  costringeva ad impiegare ad ogni tiro una quantità di polvere superiore a quella di un cannone ad avancarica.
Alla fine le petriere a mascolo rimasero ancora in uso solamente come piccoli calibri in quanto erano più semplici da caricare dato che, essendo montate su forcelle fisse, non arretravano per il rinculo ed in certe situazioni, se fossero state ad avancarica, il caricamento sarebbe stato assolutamente impossibile  (nel volume di Landström THE ROYAL WARHIP VASA c’è un bellissimo disegno che evidenzia molto bene il concetto).
Andando ai “grossi calibri” (pezzi dalle 2-3 libbre in su), sia Boudriot nel suo già citato ARTILLERIE DE MER  sia Caruana nel 1° Vol. della serie  THE HISTORY OF THE ENGLISH SEA ORDNANCE parlano solo di “grossi calibri” ad avancarica e. oltretutto, mentre Boudriot inizia praticamente dall’epoca del Re Sole, Caruana parte addirittura da Enrico VIII, limitandosi però ad illustrare un paio di petriere a retrocarica su affusto da ponte solamente in quanto recuperate dalla Mary Rose (un bel disegno in prospettiva dello stesso cannone è anche nel volume  MODELLI NAVALI di Curti),mentre per il resto sono tutti pezzi ad avancarica.
Unica eccezione (che conferma la regola?) sembrerebbe un cannone a retrocarica da 2 libbre del 1730 circa, lunghezza totale di canna di 103cm, la cui foto (che trovi in allegato) è nel volume  NAVAL GUNS di Hans Mehl, ma è un cannone olandese di cinquant’anni posteriore al periodo di cui stiamo parlando e non ho trovato traccia di cose del genere né sul volume di Boudriot né in quello di Caruana.(Argomento già inserito nel post precedente)
Fra l’altro, mentre Caruana illustra anche pezzi da 3 libbre, sulle tavole di Boudriot il calibro minore è il 4 libbre, per cui sarei curioso di sapere il 3 libbre da dove è saltato fuori e, inoltre, ricordiamoci che, mentre i 4 libbre sono stati ritrovati nella stiva de La BELLE (ma erano destinati al forte)  dei 3 libbre non è stato ritrovato niente, nemmeno un proiettile.
E allora?   Solo petriere a murata?   Oppure sei cannoni da 3 libbre trincati a murata  e, in caso di necessità, si sarebbe visto  come fare?  Ricordiamoci che Boudriot cita “sei cannoni”  menzionati nell’elenco delle dotazioni, ma non si sa di che tipo.
In conclusione, se si decide di rappresentare il modello con le artiglierie, a meno che non si riesca a trovare della documentazione riguardo pezzi ad avancarica di dimensioni ancora più piccole del 3 libbre (un 2 libbre con canna di 110-120cm al massimo?) l’unica soluzione possibile rimane quella descritta e disegnata da Boudriot, eventualmente valutando l’alternativa se posizionare i cannoni in batteria (praticamente assurdo in navigazione) oppure se metterli legati a murata.  
Per quanto riguarda il disegno della REVENGE, è stato tratto da un volume pubblicato in Germania negli anni 50-60 del secolo scorso, volume nel quale sono riportate diverse ricostruzioni di navi storiche.
Sono ricostruzioni interessanti, soprattutto per quanto riguarda le strutture degli scafi e le velature, ma in parecchi di questi disegni sono raffigurate delle artiglierie decisamente “esagerate”: ti basti pensare che sul ponte superiore della REVENGE sono montati cannoni con una lunghezza di canna di circa 3.20 m., sul ponte inferiore sono disegnati cannoni con una lunghezza di canna di 3.50m e le colubrine a murata hanno una canna di 180cm circa.
Non ho mai fatto studi approfonditi al riguardo (non ancora perlomeno) ma, in tutta sincerità, mi sembrano un po’ eccessivi, soprattutto per quanto riguarda il ponte superiore e le colubrine a murata (tanto per fare un confronto, quelle disegnate da  Boudriot  per La Belle hanno una canna lunga circa 90cm).
Il 1° Vol. di Caruana comunque è una preziosissima fonte di informazioni (armamenti dei vari scafi a partire da Enrico VIII, tipi, dimensioni e calibri utilizzati nella Marina inglese nei vari periodi storici, ecc.) e appena comincerò ad organizzare il capitolo sulle artiglierie per il nostro 3° Vol. dovrò sicuramente investire diverse giornate di tempo per meglio studiare tutti questi dettagli.
Parlando poi del cannone, se per il modello vuoi pensare ad un’alternativa a retrocarica, ritengo che quello della foto possa essere un buon esempio su cui basarsi, anche se forse, essendo l’unico esempio, è  un po’  “tirato per i capelli” (vedi post precedente).
Di sicuro direi che quello di Boudriot non mi convince per nulla e, per di più, quello dell’Hachette è uno schifo: la canna è OK, ma l’affusto è del tipo in uso dopo la metà del ‘700 (dopo il 1763 per l’esattezza) e, per di più, sbagliato:
La tavola di base va da una fiancata all’altra (dovrebbe essere solo nella parte centrale ad unire  i due assali - vedi il 74 cannoni)
• La staffa di fermo degli orecchioni è mal sagomata (la parte semicircolare è troppo larga) e mancano i relativi fermi
• Manca tutta la ferramenta
• Il perno di fermo delle ruote è “indecente”
• Ciliegina sulla torta, la caviglia del cuneo per la regolazione dell’alzo non deve rimanere mezza fuori ma deve essere inserita nel foro con tutto il gambo

Comunque, visto che hai la monografia, ti basterà fare un confronto tra il disegno di Boudriot e quanto proposto dalla Hachette e ti renderai conto immediatamente che l’affusto della Hachette è un concentrato di stupidaggini
Olter a Federico Ostan ho pure interpellato Matiz (Tiziano) che ritengo un vero modellista perché ha fatto tutte le ricerche riguardanti la monografia dei 74 cannoni, lo sta realizzando da un albero di pero ed inoltre perché formula delle critiche positive corredate da soluzioni logiche come questa.
"Credo che i mantelletti fossero verticali, Boudriot deve avere sbagliato nel disegnarli, comunque, i gangheri dovevano essere contrapposti per non permettere che il mantelletto si sfilasse, orizzontale o verticale che fosse"



Come vedete anche il Boudriot può sbagliare e ritenere logiche alcune sue considerazioni. Bisogna tener presente però che il Boudriot nelle sue monografie invita il modellista ad intervenire con argomentazioni motivate come questa per esempio.
Solo con interventi di questo genere sono riuscito ad imparare e migliorare la mia cultura, purtroppo non la mia manualità.
Io non sono un gran modellista ma di artiglieria cinquecentesca (che poi è durata fino al 1700 senza troppe variazioni) ne conosco il funzionamento in quanto da molti anni partecipo in prima persona a rievocazioni storiche dove vengono simulate battaglie con cannoni sia a avancarica che a mancolo pur di campagna. Ecco due esempi





Assicuro che per la manipolazione di quelli ad avancarica occorre dello spazio che sulla Belle non ci sarebbe .
Non ho solo letto dei libri, ma ho pure messo in pratica quello che ho letto. Quei cannoni e molti altri sono auto costruiti e perfettamente funzionanti copiando modelli esistenti nei musei.
Inoltre abitando a Venezia ho la fortuna di accedere (come ricercatore e rievocatore storico) all Arsenale e al Museo Navale dove sono conservate opere sia in originale che in scala (modelli)  a partire dal motore  dell'Elettra di Marconi.
Desidero far presente che tutti i studiosi di storia medioevale e rinascimentale ritenevano fino a poco tempo fa che le rievocazioni storiche fossero delle carnevalate. Dopo una nostra collaborazione con Franco Cardini si sono ricreduti in quanto la storia vissuta, come la viviamo noi, li aiutava nel loro lavoro di studio e critica.
Attenzione! Se non si dibatte e non ci si confronta non si progredisce. Pensate che se l'uomo avesse aspettato solo che intervenisse lo studioso di turno e non avesse fato delle ricerche tante invenzioni non sarebbero mai state realtà. L'uomo è progredito confrontandosi e ricercando la soluzione a volte uscita per caso, che senza i vari tentativi sarebbe stata per sempre nel limbo.
Concludo pertanto questo mio intervento tirando questa conclusione:
Su la Belle l'utilizzo di cannoni ad avancarica (3 libbre) è possibile solo sparando da un bordo, dopo aver sgomberato il ponte amarrando la scialuppa, spostando il ricambio degli alberi sul bordo opposto e svincolando dal interno della murata i cannoni piazzandoli dopo averli caricati nei sabordi. Se poi si cambia mura, cosa che a vela è una consuetudine con conseguente movimento di personale sul ponte per ricomporre la velatura , viene fuori una certa confusione, Mi sembra un operazione abbastanza intricata e ferruginosa.
L'utilizzo di cannoni a retrocarica mi sembra una supposizione più inerente alla realtà, in quanto non abbisognano di movimentazione sul ponte e quindi tutte le strutture ivi postate non debbono essere rimosse e i cannoni possono essere già impostati davanti ai propri sabordi.
Tutto ciò non certo per modificare quanto già sviluppato dal Boudriot, ma per capire come potevano essere veramente le cose nel passato, attingendo da più fonti e confrontando gli studi e le ricerche effettuate da molti insigni studiosi. Così si impara e si progredisce.
Ciao
Mario
avatar
marioandreoli
Forumnauta
Forumnauta


Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cannoni ad avancarica e retrocarica

Messaggio Da marioandreoli il Dom 23 Apr 2017 - 14:24

Ho personalmente assistito alla movimentazione per i tiri con artiglieria da campagna ad avancarica, che posso affermare non priva di manovre che prevedono un certo spazio e quindi per meglio comprendere l'utilizzo di analoga  artiglieria in campo navale, dove lo spazio è decisamente ristretto, ho cercato di trovare delle note che riguardano sia il personale addetto alla movimentazione, che le attrezzature atte a farlo funzionare.
Il personale impiegato per il funzionamento era costituito da un Comandante di Sezione ed una squadra formata da un Sergente, due cannonieri e quattro serventi.
I cannonieri erano responsabili del puntamento del pezzo sia per la gittata che per la direzione.
L’alzo veniva modificato utilizzando zeppe di legno sotto la canna.
I quattro serventi – due di destra e due di sinistra – servivano per l’armamento e lo sparo: i primi due per il caricamento, il secondo di sinistra era addetto all’innesco, il secondo di destra per l’accensione dell’innesco.
Effettuato il caricamento con il calcatoio si battevano sette colpi di intasamento per comprimere la carica che successivamente veniva bucata con uno spillone attraverso un forellino praticato sulla culatta (il cosiddetto foro focone); si immetteva poi dallo stesso foro la polvere per l’innesco che si infiammava con un “buttafuoco” (miccia a lenta combustione).
Dopo ogni colpo sparato si effettuava lo scovolamento per pulire l’interno della bocca da fuoco per eliminare i residui carboniosi dello sparo; per poter ottenere anche il raffreddamento della canna si impiegava uno scovolo  umido di acqua.
Il Comandante impartiva tutti gli ordini sia per la messa in batteria del pezzo che per il relativo funzionamento.
Ecco le attrezzature necessarie per il funzionamento di un pezzo ad avancarica sistemato in un ponte inferiore





e sulla tolda



certo che non tutto ciò era deposto sulla tolda in quanto micce, polveri ecc non potevano rimanere alle intemperie e quindi venivano sistemate al momento della battaglia dai mozzi prelevandole dalla santabarbara. Si capisce che in caso di battaglia, ammarare la lancia, spostare l'invasatura e gli alberi di ricambio. sistemare i cannoni sui sabordi e manovrare le vele non era certo cosa funzionale.
Mi sono chiesto inoltre se il combattimento bordo contro bordo con le due navi incrocianti poteva continuare con l'inversione della rotta cambiando mura con conseguente ricomposizione della velatura. Allora il concetto di combattere da un solo bordo non sarebbe giustificabile e quindi la supposizione del Boudriot non sarebbe supportata dalla eventuale realtà perchè ricomporre sul alto opposto tutto l'armamentario diventerebbe troppo ferruginoso per non dire impossibile in quanto la rapidità di fuoco era l'elemento decisivo. In questo gli inglesi erano maestri, dal momento che i loro equipaggi migliori, composti da sei serventi, riuscivano a pulire, caricare e rimettere in punteria un pezzo in circa 90 secondi. Gran parte delle quasi ininterrotte vittorie che hanno riportato per secoli sui mari è dovuta proprio alla superiorità in questo campo: a Trafalgar, per esempio, i cannonieri della Victory o del Royal Sovereign (la nave di Collingwood, il vice di Nelson, un tenace fautore dell'addestramento al tiro) sparavano tre volte più veloci di francesi e spagnoli.
Ciao
Mario
avatar
marioandreoli
Forumnauta
Forumnauta


Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cannoni ad avancarica e retrocarica

Messaggio Da Dioramik il Dom 23 Apr 2017 - 14:50

Grandioso Mario, personalmente a me stai aprendo un mondo, seppur appassionato di storia militare non sono mai andato a fondo alle cose come stai facendo tu.
Complimenti.
Interessantissimo.
Silvio.
avatar
Dioramik
Nuovo Utente
Nuovo Utente


Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cannoni ad avancarica e retrocarica

Messaggio Da marioandreoli il Dom 23 Apr 2017 - 21:14

Grazie Dioramik, sono molto contento che la mia ricerca serva a qualcuno.
Per evidenziare quale e quanto personale fosse impiegato nella movimentazione dei cannoni posto alcuni lavori estrapolati dal IV tomo dell'opera  "Il Vascello da 74 cannoni" di Jean Boudriot, opera in quattro splendidi volumi che consiglio a tutti i modellisti che ritengono che il modellismo sia una attività non solo di manualità, ma soprattutto di acquisizioni di quelle nozioni che portano il lettore ad identificarsi con gli uomini d'allora che progettavano, realizzavano e navigavano con i vascelli a vela.
Il quinto tomo tratta un argomento di indubbio interesse, ossia "Il personale" e "L'impiego del personale"
Da pagina 112 a pag. 137 sono descritti ed illustrati gli "Esercizi di combattimento" e a pag 121/122 viene illustrato l'armamento, cioè l'insieme di serventi e capopezzo, di un pezzo da 36 libbre. Risultano 15 uomini dei quali i più importanti sono:



a susseguirsi: capopezzo, mozzo provveditore, ultimo servente di sinistra (buttafuoco), 3° servente di sinistra (col vette), 3°servente di sinistra (col cartocciere), 3° servente di dritta (col piede di porco) 1° servente di sinistra (caricatore) 1° servente di dritta (con lo scovolo) soldato.
Segue la messa in batteria di un pezzo da 36 libbre



del quale posto la nota del Boudriot



Segue il puntamento del cannone



del quale posto la nota del Boudriot


Da pag. 123 a pag. 129 sono riportati "Comandi per l'esercizio del cannone" con illustrazioni esplicative. Ne posto solo due per far vedere l'importanza dell argomento e come sia ampiamente trattato.





Ritengo che da queste immagini ci si possa rendere conto di quanto trambusto c'era  attorno ai cannoni nei ponti sotto coperta e in coperta
Ciao
Mario
avatar
marioandreoli
Forumnauta
Forumnauta


Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cannoni ad avancarica e retrocarica

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum