Forum Scuola di Modellismo
Benvenuto su Scuola di Modellismo....il cui scopo è condividere idee ed esperienze, mettendole a disposizione di tutti i modellisti.

Per la visualizzazione di tutti i contenuti del forum REGISTRATI!!!!

***Ricorda di leggere il REGOLAMENTO prima di postare un messaggio.***

Potrai partecipare alla chat, ai sondaggi del forum, vedere gli ultimi argomenti e le guide sul funzionamento del forum.

***** Non dimenticare di presentarti! *****

Lo Staff
PER IL NOSTRO FORUM
Documento senza titolo
Chi è in linea
In totale ci sono 8 utenti in linea: 1 Registrato, 0 Nascosti e 7 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Marini Claudio

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 234 il Gio 30 Dic 2010 - 8:51
Dicembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Calendario Calendario

Accedi

Ho dimenticato la password

Dal 24-luglio-2009
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata


Trincarino-Suola-Corda

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Trincarino-Suola-Corda

Messaggio Da brggpl il Sab 21 Set 2013 - 16:01

ciao a tutti Very Happy 
Prendendo spunto dai dubbi di daniel a proposito del problema trinacrino-corda-suola e senza invadere la tartana, volevo proporvi una riflessione in proposito.
Sto confrontando il ponte di piccole-medie imbarcazioni da lavoro (attorno ai 20 metri di lunghezza dello scafo) dove non c'è un vero proprio trincarino come nei grandi velieri.

In A) ho messo un ponte inglese (o anche francese) dei primi '900, mentre in B) il ponte dello schifazzo (fine '800).
Mi viene il sospetto che il "trincarino" non abbia (almeno in questi casi) una funzione strutturale, rimanendo
solo allo scopo di chiudere il vuoto tra uno scalmotto e l'altro. Per la statica nel piano orizzontale oltre alla rigidezza dell'insieme bagli+tavolato, lungo i bordi corrono il dormiente ed eventuale serrettame.
In B) i corsi di fasciame si adattano uno con l'altro, mentre in A) è il trincarino-corda che si adatta ai corsi.
In pratica è come se una cornice si adattasse al quadro (A) o, viceversa, come se il quadro si adattasse alla cornice (B).
Ho messo questi disegni con le poche informazioni che posseggo e non è detto che siano realistici, anzi ci sono degli errori.
saluti
avatar
brggpl
Responsabile glossario sostenitore
Responsabile glossario sostenitore


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Trincarino-Suola-Corda

Messaggio Da etabeta il Sab 21 Set 2013 - 20:33

Da ignorantone in materia quale sono io albino , butto la il mio ragioamento:

Secondo me la scelta del trincarino potrebbe essere dovuta ad una maggiore facilità di lavorazione dei corsi del tavolato.

Infatti per adattare i corsi del tavolato l'uno con l'altro è necessario "tagliare via" una striscia dell'altezza del dente che si vuole realizzare (chissà, forse ciò è vantaggioso nelle imbarcazioni più piccole) Question 

Nell'altro caso i corsi del tavolato vengono sagomati solo nella parte terminale e poi si adattano i pezzi del trincarino per coprire il vuoto tra uno scalmotto e l'altro, maneggiando pezzi di legno più piccoli.

Ho notato che anche nei grandi yacht viene preferita la tecnica del trincarino (o della cornice adattata al quadro) Smile 

Mah! cyclops

_________________
Pluff Eta Beta

... l'ottimo è nemico del buono...
... puoi avere ragione oppure essere felice ... a te la scelta!.
avatar
etabeta
Collaboratore sostenitore
Collaboratore sostenitore


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum