Forum Scuola di Modellismo
Benvenuto su Scuola di Modellismo....il cui scopo è condividere idee ed esperienze, mettendole a disposizione di tutti i modellisti.

Per la visualizzazione di tutti i contenuti del forum REGISTRATI!!!!

***Ricorda di leggere il REGOLAMENTO prima di postare un messaggio.***

Potrai partecipare alla chat, ai sondaggi del forum, vedere gli ultimi argomenti e le guide sul funzionamento del forum.

***** Non dimenticare di presentarti! *****

Lo Staff
PER IL NOSTRO FORUM
Documento senza titolo
Chi è in linea
In totale ci sono 10 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 10 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 234 il Gio 30 Dic 2010 - 8:51
Settembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Calendario Calendario

Accedi

Ho dimenticato la password

Dal 24-luglio-2009
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Parole chiave

anteo  


Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da jamessmitt il Ven 9 Nov 2012 - 19:44

Buonasera a tutti Voi e in special modo a OLDBOY ed ENRICO,
ecco perchè mi sono iscritto ad un forum SERIO! Se non ci fossero le critiche e i suggerimenti ma, solo superficiali elogi sui lavori realizzati, non si avrebbe modo di far migliorare i propri iscritti. Quindi grazie per quello che mi avete detto e suggerito.
Per OLDBOY, no quella barcaccia non c'è proprio nei piani è un più che ho inserito io realizzandola da foto prese su internet e ho cercato di riprodurre ma probabilmente con scarzo risultato!!, essendo movibile non è un problema appunto, quindi la posso tranquillamente tirare via e rifare con maggior attenzione. (se hai schizzi o foto te ne sarei grato!)
Per ENRICO grazie per le precisazioni ma avevo letto appunto che quel tipo di imbarcazione (Posa e disincaglia Ancore) veniva posta in quella posizione proprio per la comodità e velocità nel varo e alaggio, ma se così non è posso benissimo invertire le due piccole scialuppe.
Mi chiedevo poi, guardando il ponte con le due imbarcazioni, come poter realizzare l'argano appunto per poterle varare. Se avete qualche suggerimento sarei felice di realizzare anche questo particolare, anche perchè così mi sembra irreale.
Come sempre aspetto fiducioso la vostra collaborazione
James
avatar
jamessmitt
Nuovo Utente
Nuovo Utente


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da enrico pilani il Ven 9 Nov 2012 - 22:16

ciao
non so dove hai letto della barcaccia a poppa , non è una cosa seria è una lancia molto pesante x quella posizione x il modo di calare in mare le barche dal centro nave dai un occhio al mio topic della HOspur è spiegato anche con foto.
ciao ENRICO
avatar
enrico pilani
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da oldboy il Sab 10 Nov 2012 - 17:38

Ciao jamessmitt.
Fare le scialuppe di un modello in scala 1/72 pone la difficoltà delle piccole dimensioni, per il resto se hai fatto il modello vuol dire che la mano c'è. Ho rivisto la partenza della tua Essex: se sei arrivato fin qua vuol proprio dire che la mano ce l'hai.
Detto questo, ti mando le foto delle scialuppe della nave Beagle ( quella di Darwin, del 1820 ), che ho avuto da Enrico Pilani.
Nella prima immagine trovi la "barcaccia" - fig.K1 - da 26 piedi (circa 9 metri) con a mezza barca l'argano orizzontale usato per manovrare l'ancora. A poppa non c'è il trespolo con la puleggia per far scorrere la gomena dell'ancora, evidentemente potevano montarla alla bisogna. Capisci che una barca da 9 metri fatta coi criteri di fine 1700 pesava "qualche quintale" e appesa a due travi di una poppa larga si e no 6 metri era "un bel pendolo" anche con mare calmo.
Ecco, mi sento di dire che questo modo di ragionare sulle proporzioni reciproche dei pezzi che si costruiscono è la chiave di volta per fare modelli che rendono al meglio la sensazione del "vero". E' una cosa che ho imparato vedendo i lavori di altri, io ho fatto solo un modello fino ad ora. A stima, viste le dimensioni della nave, credo che la Essex portasse o il dinghy -fig.K6 - da circa 5 metri appeso a poppa, è la figura K11 nella terza foto, vincolato come vedi, o una piccola baleniera. Poi di sicuro aveva la barcaccia K1 e la lancia K2 sul ponte . Per le imbarcazioni sul ponte vedi la fregata Hotspur come ti ha detto Enrico. Poi vai anche a vedere il cantiere dello schifazzo trapanese di brggpl e quello della fleuta olandese di Enrico: li trovi indicazioni per fare scialuppe. Io ho copiato da li, specie da Enrico, e ho fatto le mie scialuppe. Anche nella galleria di Enrico trovi scialuppe. Insomma, gira nel forum e vedrai che trovi indicazioni. Se non sono scialuppe sono comunque "barche" e puoi trarne idee utili.
Parere personale: per non fare "indigestione" di lavoro puoi comprare una scialuppa già fatta e la puoi allestire tenendo conto del criterio delle proporzioni dei vari componenti. Tieni conto che un pagliolato doveva avere aperture che impedissero di incastrarcisi dentro coi piedi ( io ne ho sbagliato due su tre...! ). Io ero partito così poi mi sono lasciato prendere dall'entusiasmo e mi sono fatto le scialuppe. Al terzo tentativo ci sono riuscito. Ho impiegato più di tre mesi...
Ti dico qualche numero per farti pensare un pò: all'epoca della Essex le gomene delle ancore aveva circonferenza da 20 cm a 60 cm, a seconda della dimensione della nave. Poniamo che la Essex avesse una gomena da 30 cm di circonferenza, arrotondati a 9 cm di diametro. Suppongo, e qui non ho conoscenza in merito, che una gomena del genere avesse bisogno di puleggia di almeno 40 cm di diametro per fare una curva di 180° (come in una qualunque carrucola per sollevare pesi) e di circa 20 cm per scorrere bene facendo al massimo una curva di 90° ( la canapa si stira di meno...). In scala 1:72 le pulegge vanno quindi da 2,75 a 5,5 mm .
In sostanza: occhio alla scala !



Aggiungo due immagini dal libro Seamanship, relative al discorso scialuppe e ancore:



Ciao Ciao . oldboy
avatar
oldboy
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da jamessmitt il Gio 15 Nov 2012 - 9:00

Buongiorno a tutti Voi
innanzitutto un grazie per i consigli i suggerimenti e le immagini. ho provveduto immantinente a tirar giù la Barcaccia dalla poppa (sto cercando nella cronologia del pc dove avevo letto della barcaccia a poppa!!). L'idea poi è stata quella di invertire una lancia dal ponte alla poppa sostuendo la Barcaccia previa numerose modifiche:
- ho ridimensionato l'argano della poppa e ho affinato notevolmente i bracci
- sostituita la puleggia con una più piccola e in scala (5mm)
- ho abbondantemente affinato il paiolato portandolo a meno di 1mm di spessore rispetto ai 3mm originari.
- Altre piccole modifiche all'interno dello scafo.
- ho bloccato il gancio mediante una fune di tensione (così libera mi sembrava non verosimile in special modo con mare non calmo!!)
La delfiniera che ho usato ora per la poppa è quella appunto che avevo già realizzato in precedenza non credo di dover fare altre modifiche ma lascio a Voi giudicare se così è relistica.
Le foto rendono meglio:







Come sempre in attesa dei vostri giudizi e suggerimenti buon cantiere a tutti!!
Jamessmitt


avatar
jamessmitt
Nuovo Utente
Nuovo Utente


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da oldboy il Gio 15 Nov 2012 - 10:24

Ciao. Si, la differenza si vede Smile , anche se siamo entrambi consapevoli che la cura del particolare deve essere ancora e continuamente ricercata. E' la strada che abbiamo fatto tutti, e per quanto mi riguarda sto ancora facendo. Per farti capire: i golfari (gli occhielli...) fissati sui bordi della scialuppa per poterla appendere sono grandi. Con una barra di ferro diametro 20 mm fai un anello diametro 150 mm e ci tiri su una casa. In scala 1:72 il diametro della barra diventa 0,27 mm e il diametro dell'anello diventa 2 mm. Sulle scialuppe in scala inferiore a 1:50 , cioè su particolari piccoli, gli "anelli" si fanno, generalmente, avvolgendo un filo di 0,3 mm di diametro su una punta da trapano di diametro 1 mm max.
Questo tanto per darti una idea. Si tratta di farci l'abitudine, non è difficile pensare "in scala".
Ancora: le scialuppe erano appese a golfari aggangiati alla chiglia, all'interno della imbarcazione. Uno a poppa e uno a prua. Non ho mai capito come facesse la barca rimanere in equilibrio, ma sulle varie illustrazioni non sono riportati altri vincoli. Probabilmente, però, c'erano.
Le funi che hai messo per appendere l'imbarcazione non hanno senso e sono facilmente sostituibili. Se vuoi mantenere i golfari che hai messo, metti un filo che li collega e a metà di questo filo fai un occhiello. A questo occhiello aggancerai il gancio del bozzello che tiene su la scialuppa, che fa parte di un normale paranco con bozzelli a due pulegge study :
- appendi un bozzello alla trave;
- lega il filo sotto a questo bozzello, alla fasciatura che tiene appeso il bozzello alla trave;
- fai passare il filo in un foro del bozzello inferiore, quello che ha il gancio che tiene su la scialuppa;
- torna su col filo e fallo passare in un foro del bozzello appeso alla trave;
- torna giù e fai passare il filo nel secondo buco del bozzello con gancio;
- torna su, fai passare il filo nel secondo buco del bozzello della trave e fissa il filo in un punto sul bordo della nave.
Tutto questo equivale a manovrare i paranchi di alaggio della scialuppa stando sulla nave, dove c'è la possibilità di avvalersi di argani. Ovvero siamo ancora al discorso di valutare come potevano avvenire le cose in realtà : calare una barca di legno di circa 5 metri di lunghezza richiedeva un buon sforzo, quindi ci volevano mezzi adatti. Tieni anche conto che una volta che la scialuppa era in mare, acquisiva un proprio moto mozzo ed era opportuno sganciarla facilmente in modo da poterla manovrare, dunque sistemi di aggancio semplici.
Sono stato noioso? E' una minestra che si dev mangiare, se si vuole migliorare . Pensa che ho rifatto tre volte due dei tre alberi del modello che ho fatto. Con tutte le fresature, gli incastri, etc. etc. . ma ne è valsa la pena.
Dai che vai !!!!
ciao. oldboy Ciao
avatar
oldboy
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da enrico pilani il Gio 15 Nov 2012 - 12:29

ciao
ti ha risposto esaurientemente Oldboy
continua cosi ENRICO
avatar
enrico pilani
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da jamessmitt il Gio 15 Nov 2012 - 12:52

Ciao Oldboy
Come sempre attento e scrupoloso sia nelle critiche (giuste!) che nei consigli!
Per i golfari non ho problemi a sostituirli con quelli che vedi montati, a terra delle scialuppe sul ponte, che sono appunto da 1,8mm. Per quanto riguarda invece come la scialuppa è issata ai paranchi della nave, ho utilizzato questo schema perchè pensavo che dovesse essere manovrata dagli stessi marinai sulla sciauppa (se guardi bene lo schema vedrai che se si sganciano le funi dalle bitte e allentando, la scialuppa scende. Errore questo di valutazione, per la considerazione che tu giustamente facevi, sul peso della scialuppa + marinai che probabilmente non avrebbero potuto manovrare facilmente.
Dalle parti nostre si dice "chi 'fraveca e sfraveca non perde mai tempo" che tradotto sarebbe "chi costruisce e poi butta giù per ricostruire non butta via il proprio tempo"! Quindi all'opera e cerchiamo di affinare i dettagli ... che poi sono la cosa che più mi "attizza" nel modellismo!
Grazie ancora
James
avatar
jamessmitt
Nuovo Utente
Nuovo Utente


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da onip il Gio 15 Nov 2012 - 15:16

Cia jamessmitt,

è molto interessante quello che stai facendo, quando ho realizzato l'Essex (1987) non essendo prevista la scialuppa a poppa non mi sono posto il problema, mentre tu cerchi di migliorare il progetto facendo le opportune ricerche; certo questa è una nave americana e non è semplice trovare riferimenti specifici.

Per quanto riguarda il ponte, nella zona centrale mi pare tu abbia messo anche altre scialuppe di servizio, ma in quella zona era previsto un argano verticale che occupa buona parte della spazio disponibile, tu lo hai eliminato? O hai creato una sovrastruttura all'altezza delle passerelle lasciando al disotto l'argano, come sembrerebbe. E dove hai reperito le indicazioni?

Buon lavoro. Ciao Ciao
avatar
onip
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da mozzo il Gio 15 Nov 2012 - 15:45

Ciao Pino , ti rispondo in merito alla domanda che hai posto a jamessmitt con questa immagine della nave

vorrei suggerire che le scialuppe in dotazione ai bastimenti non sono tutte uguale cambiano per tipologia di servizio e in base alle caratteristiche del bastimento
mozzo study
scusami jamessmitt che ti ho invaso il cantiere

mozzo
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da onip il Gio 15 Nov 2012 - 18:09

Grazie mozzo per la risposta,

non avevo riferimenti sulla particolare posizione di quelle scialuppe, che anche se nascondono alcuni particolari, rendono completo il modello.

Un saluto e buon lavoro jamessmitt Ciao Ciao

Pino
avatar
onip
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da jamessmitt il Ven 16 Nov 2012 - 0:04

Buona sera a Voi tutti
Benvengano queste "invasioni" che rendono questo topic più interessante e ricco di particolari.
Ciao Onip grazie per l'intervento, se guardi le foto da me postate all'inizio del cantiere, ti accorgerai che effettivamente al centro del ponte ho realizzato l'argano, che ora è coperto dalle due scialuppe, ma questo rende, secondo me, più affascinante e realistica la nave, chi la guarda deve "scoprire" le parti nascoste (vedi la cucina e le pompe di sentina) che nell'originale c'erano. Ho letto di un modellista che ha realizzato anche gli interni in alcuni suoi modelli, anche se poi sono rimasti non più visibili e a quanti gli chiedevano il senso lui ha risposto che l'importante era che lui sapesse che c'erano, con questo non voglio dire che vorrei arrivare a tanto ma questa cosa mi ha colpito molto. Certamente come Voi sapete questa è la mia prima realizzazione e pertanto cerco di leggere e di guardare le altre realizzazioni e trovare spunti e idee, poi il forum aiuta molto. La mia mano non è così precisa, per il momento spero! ma vi posso assicurare che ce la metto tutta per il gusto di realizzare una cosa che sia, in piccolo, copia conforme, all'originale. Grazie ancora per i Vostri suggerimenti e buon cantiere con la buona notte.
Jamessmitt
avatar
jamessmitt
Nuovo Utente
Nuovo Utente


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da onip il Ven 16 Nov 2012 - 8:39

Ciao jamessmitt,

hai ragione sugli interni e su quello che non rimane visibile, perché rende completo del modello, e di cui il modellista sa, ma più che per questo mi faccio sempre questa domanda rispetto alla fedeltà al progetto ed alla realtà, che è possibile riprodurre in miniatura nel rispetto della scala; ti posto una foto di quello che ho fatto con l’ultimo lavoro poi scomparso sotto il tavolato del ponte e coperto dalla tuga della cabina del comandante



in effetti si migliora con il tempo, e comunque il modellista si rende sempre conto di quello che va ancora migliorato. Stelle

Buon lavoro Applausi
avatar
onip
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da brggpl il Ven 16 Nov 2012 - 9:15

ciao james Very Happy

guardando la sezione postata da mozzo, forse le barche di servizio erano appoggiate e fissate direttamente alle traverse che ti ho segnato in rosso senza l'assito che mi sembra di vedere nelle tue foto. in questo caso l'argano sarebbe rimasto in vista tra le scialuppe!
ho detto "forse": bisognerebbe guardare i disegni in pianta.
complimenti, anche per la pazienza nel rivedere al meglio le scialuppe!
buon proseguimento Ciao
avatar
brggpl
Responsabile glossario sostenitore
Responsabile glossario sostenitore


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da oldboy il Ven 16 Nov 2012 - 9:57

Ciao. Anche se non ho troppa esperienza, mi sento di dire che non è mai esistito un assito sui trespoli per le scialuppe. Non l'ho mai visto nelle varie foto di velieri. Piuttosto è sicuro che sui trespoli venivano appoggiate le parti di ricambio per l'alberatura quindi alberetti e pennoni. In qualche caso ho letto che mettevano anche semplici travi , come scorta di legname da costruzione, sempre per le manutenzioni alla nave.
ciao. oldboy
avatar
oldboy
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da jamessmitt il Ven 16 Nov 2012 - 10:28

Buongiorno
Posto altre immagini dove è possibile vedere ciò che c'è sotto e che è parzialmente nascosto, per la struttura dove sono appoggiate le barche di servizio l'ho realizzata guardando alcuni modelli, effettivamente molte sono appoggiate solo sulle travette, ma credo che questo sia fatto solo per "non coprire" il ponte.




Mi ponevo il problema di come i marinai potessero poi salirci su!? Il tavolato aumenta lo spazio utile anche per stivare masserizie varie (come ho visto su un modello!)







I piani Aereopiccola NON portano assolutamente queste barche di servizio come giustamente dice Onip, ma nell'87 non c'era Internet e quindi non si poteva condividere le informazioni come ora, fortuna o sfortuna.... secondo i punti di vista. Oggi voglio vedere se riesco a finire con la delfiniera, cambierò i golfari e.... non ho problemi a cambiare anche il sistema di aggancio, anche se mi piaceva il sistema realizzato in auto-varo!!.
Ho trovato questa immagine che ricorda molto la mia:


Buon fine settimana a Voi tutti, domani pesca!! e niente Cantiere!!
Jamessmitt


Ultima modifica di jamessmitt il Ven 16 Nov 2012 - 14:00, modificato 1 volta
avatar
jamessmitt
Nuovo Utente
Nuovo Utente


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da onip il Ven 16 Nov 2012 - 12:21

Ciao jamessmitt,

lascio agli altri amici modellisti la discussione sulla sistemazione delle scialuppe perchè non ho molta esperienza in quel tipo di veliero, ho fatto solo la Essex e come dici tu senza internet ed altre conoscenze; vorrei chiederti invece che tipo di colla usi.

Mi sembra di vederne troppa e sporca un po' il modello, io uso la vinilica e....uno straccetto bagnato a portata di mano per pulire subito quella che deborda dagli incollaggi, così è tutto più pulito e ed il legno da lasciare a vista non viene macchiato.

La pesca sportiva......beato te carlo

Una saluto Ciao
avatar
onip
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fregata ESSEX in autocostruzione (jamessmitt)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum