Forum Scuola di Modellismo
Benvenuto su Scuola di Modellismo....il cui scopo è condividere idee ed esperienze, mettendole a disposizione di tutti i modellisti.

Per la visualizzazione di tutti i contenuti del forum REGISTRATI!!!!

***Ricorda di leggere il REGOLAMENTO prima di postare un messaggio.***

Potrai partecipare alla chat, ai sondaggi del forum, vedere gli ultimi argomenti e le guide sul funzionamento del forum.

***** Non dimenticare di presentarti! *****

Lo Staff
PER IL NOSTRO FORUM
Documento senza titolo
Chi è in linea
In totale ci sono 9 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 9 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 234 il Gio 30 Dic 2010 - 8:51
Settembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Calendario Calendario

Accedi

Ho dimenticato la password

Dal 24-luglio-2009
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Parole chiave

belle  aeromodellismo  anteo  hachette  


Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Pagina 3 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da picogio' il Lun 24 Mag 2010 - 16:15

ce ne fossero tanti di scatolari come te! a me piace seguire i tuoi lavori e ci sono ben pochi commenti da fare e molto da imparare ciao giovanni
avatar
picogio'
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da brggpl il Lun 24 Mag 2010 - 21:49

ciao Jack A. Very Happy
Ti ringrazio per i complimenti al nostro (ora siamo in tre) glossario. Indirettamente è anche merito tuo.
A proposito di modellisti di scatole, riguardando tutte le sezioni di navi e barche finite e in corso (comunque non d'arsenale), statisticamente mi sembra che siano pochi che si avventurano su modelli partendo solo da foto, ricerche e disegni personali.
Bravi e complimenti senz'altro. cheers Bisogna conoscere i proprii limiti, magari cercando di superarli.
Il confine tra autocostuito e no, non mi è molto chiaro, specialmente se si inizia con disegni pronti magari con le ordinate già ricavate. Certamente ci sono tanti gradini e c'è la scelta. pirat
Personalmente sono sempre stato "scatolaro" con le relative gioie e dolori, vantaggi e svantaggi.
L'importante è arrivare alla fine con un bel modello, che ci sembri pulito e preciso e poter dire questo l'ho fatto io, ho imparato qualcosa di più delle navi e ........
mi sono divertito.
buon proseguimento
jocolor
avatar
brggpl
Responsabile glossario sostenitore
Responsabile glossario sostenitore


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da jack.aubrey il Mer 26 Mag 2010 - 0:17

Martedì 25 Maggio 2010

Oggi ho trovato un paio di orette di libertà e ho ripreso a installare l'esagerazione di quattro corsi di fasciame. Sono decisamente fuori allenamento ma devo anche confessare che lo scafo di questo modello, che a prima vista potrebbe sembrare semplice, è veramente infido, specialmente nella zona di poppa dove un corso di fasciame passa in venti centimetri da una posizione verticale a una orizzontale e più avanti funzionerà al contrario (cioè da orizzontale a verticale) e a prua, dove c'è qualcosa che non va nelle ordinate.

Morale, ci vuole pazienza e più tempo del previsto. Se trovo il tempo domani, faccio lo stesso lavoro sulla fiancata destra tanto per pareggiare il tutto. Al ritorno dalle "mini vacanze" vedrò di prendergli ben bene le misure. Comunque meno male che è previsto il doppio fasciame perchè con uno mi sarei trovato a mal partito.

Credo che quello del Soleil Royal debba essere al confronto una passeggiata, anche se c'è più roba da coprire che qui.

Salutoni. Jack.
avatar
jack.aubrey
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da jack.aubrey il Gio 27 Mag 2010 - 12:21

Mercoledì 26 Maggio 2010 - Ancora fasciame

Anche oggi mi sono applicato all'installazione di un pò di corsi di fasciame. Per prima cosa ho installato sul lato destro dello scafo gli stessi listelli che avevo applicato il giorno prima sul lato sinistro. Nella foto qui sotto sono visibili gli accorgimenti a prua per ridurre la loro copertura sulla prua, davvero piccola in questa zona dello scafo. Come in altre esperienze i vuoti verranno riempiti con triangoli di legname opportunamente ritagliati.



E' qui possibile osservare il lato sinistro, dove questi vuoti, presenti ieri, sono stati colmati oggi.



A poppa le cose vanno leggermente meglio ma credo che il bello debba ancora venire.

Successivamente sono passato ad installare tre corsi di listelli dal basso verso l'altro. Qui le cose sembrano più semplici ma nel complesso confermo che per me si tratta di una forma di scafo perfida. Non riesco nemmeno ad immaginare come sia possibile installare in modo "canonico" (cioè con rastrematura corretta su ogni corso, senza gli scherzetti dei triangoli che van bene solo con il doppio fasciame) i corsi su uno scafo come questo.





Comunque le linee di questo scafo, che si cominciano ad intravedere meglio, sono veramente belle e slanciate e mi ricordano molto quelle dei Clipper di Baltimora degli inizi del XIX secolo, mezzo secolo dopo.

Da oggi il cantiere viene temporaneamente chiuso per ferie fino al 10 di giugno. Un cordialissimo saluto. Jack.

avatar
jack.aubrey
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da Brad Barron il Gio 27 Mag 2010 - 12:53

bel lavoretto come al solito!
buone vacanze allora a tutte le manovalanze! Razz

ciao jack al prossimo post
avatar
Brad Barron
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da jack.aubrey il Mer 23 Giu 2010 - 13:12

Domenica 20 Giugno 2010 - Terminato il primo fasciame

Rispetto alle previsioni, al mio ritorno dalle . . chiamiamole così . . vacanze, ho dovuto darmi da fare con nuovi problemi e lavoretti per cui ho dovuto lasciar perdere un pò il modellismo.

Al momento vi sto scrivendo da un nuovo computer desktop, costruito su misura dal convivente di una delle mie due figlie, che è una vera bomba. Basta dire che monta un processose Intel Quad-Core di nuovissima generazione tale che se si apre la finestra dell'applicazione "Gestione delle Attività" compaiono ben otto processori.

Ma la cosa più simpatica è la presenza di due dischi fissi da 1 Terabyte ciascuno che sono configurati in RAID0. Cosa significa ? semplicemente che sono visti come un unico disco da 2 Terabyte ma anche che la tecnica di scrittura (e lettura) dei dati fa si che un singolo byte venga scritto per metà su un disco e per metà sull'altro, in modo da raddoppiare la velocità di scrittura e di lettura. Per i cultori informatici devo confessare che non è proprio esattamente così come ho scritto ma il concetto è quello.

Dopo questa parentesi informatica passo a mostrarvi alcune immagini dello scafo del Dolphyn con il primo fasciame completamente installato.











Rispetto a quanto visibile dalle immagini del mio precedente messaggio, dove si osservava il fasciame ancora incompleto, mi è stata necessaria circa una settimana di lavoro, con due sessioni giornaliere di circa un'ora l'una.

Il motivo di questo modo di procedere ? E' strettamente legato al fatto che non mi era possibile installare più di un paio di listelli per lato durante ogni sessione. Poi si rendeva necessaria una pausa per lasciar asciugare ben bene la colla alifatica, specie a prua, prima di procedere oltre.

Ogni listello è stato incollato sulle ordinate e anche sul fianco del listello adiacente ed è in un sol pezzo, lungo come lo scafo. Il listello veniva poi rastremato a prua e a poppa per una lunghezza di circa 20 cm.

Un chiodino di ottone in corrispondenza di ogni ordinata, non completamente battuto in modo da lasciare la testa sporgente, serviva a tenere in posizione il corso per quella mezz'oretta necessaria alla colla per fare presa. All'inizio di ogni nuova sessione questi chiodini venivano rimossi facilmente con una pinza grazie anche al fatto che la testa del chiodo rimaneva sporgente e si ricominciava con altri listelli nuovi.

Rispetto alle previsioni, ho trovato l'operazione molto più semplice di quanto mi ero prefigurato nel mio ultimo messaggio. Godo nel pensare che forse sono migliorato io, ma molto probabilmente è la forma dello scafo nella zona che rimaneva da coprire che rendeva le cose più facili . . . .

Seguiranno altre considerazioni con nuove immagini, per il momento ho raggiunto il limite massimo di immagini consentito. Cordialmente. Jack.
avatar
jack.aubrey
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da picogio' il Mer 23 Giu 2010 - 18:26

cordialmente giovanni , complimenti massimi stai proprio attenendoti al meglio del possibile per rispettare il nome del forum Scuola di Modellismo grazie giovanni
avatar
picogio'
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da jack.aubrey il Mer 23 Giu 2010 - 19:29

picogio' ha scritto:cordialmente giovanni , complimenti massimi . . . . il nome del forum Scuola di Modellismo grazie giovanni
Ciao Picogiò, guarda che mi chiamo Sergio, non Giovanni. A meno che ti riferisci a qualcun'altro . . . . Senza offesa o sottintesi. Ciao e grazie. Jack/Sergio.
avatar
jack.aubrey
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da picogio' il Mer 23 Giu 2010 - 20:34

ciao Sergio, nella risposta seguivo il tuo discorso , tu finivi con cordialmente Jack ed io cominciavo con cordialmente giovanni , voleva essere un saluto anticipato , comunque restano , Sergio, i complimenti per il bel lavoro di insegnamento che stai facendo sia col Dolphin che con Le Soleil Royal ciao giovanni
avatar
picogio'
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da jack.aubrey il Gio 24 Giu 2010 - 14:40

Mercoledì 23 Giugno 2010 - Sempre sul primo fasciame

Ho chiuso il mio precedente messaggio anticipando che ci sarebbe stato ancora molto da dire su alcuni aspetti relativi al fasciame di questo scafo. Vediamo quindi di approfondirne alcuni. Allo scopo mi aiuto con delle immagini che sono degli ingrandimenti di quelle già mostrate in precedenza, dove vengono amplificati alcuni aspetti che voglio evidenziare.

Nella prima immagine qui mostrata si può notare come, dopo il completamento del rivestimento, ci si trovi davanti ad una superficie che non è assolutamente perfetta, anzi . . . la giunzione tra un listello e quelli adiacenti spesso mostra dei dislivelli, anche se minimi, che sono dovuti a vari fattori: listelli di diverso spessore, curvature laterali troppo pronunciate che fanno rialzare un lato del listello e altre ragioni. Nella prima foto si notano specialmente nella zona di prua e nei primi listelli che partono dalla chiglia.



In questa seconda immagine, grazie anche ad un gioco di luce, si vede come tra un listello e l'adiacente si sia quasi sempre uno scalino . . .



Qui è evidente come il raccordo tra la chiglia (in compensato scuro) e il primo corso di fasciame faccia notare come ci sia uno spessore di mm. 1,5 che in realtà non dovrebbe esserci se la chiglia avesse avuto la "battura".



Quindi siamo ben lontani dal risultato finale che ci si deve attendere da un primo fasciame pronto per ricevere il secondo . . .

Quali sono allora i prossimi passaggi per arrivare al nostro fatidico "risultato finale" ?

Vediamo di elencarne alcuni:
1) - levigatura dello scafo, per eliminare gli scalini tra un corso e l'altro,
2) - stuccatura eventuale di alcune piccole aree con uno stucco specifico per il legno,
3) - utilizzo di listelli per spessorare zone ove venga a mancare materiale e successivo livellamento,
4) - smussatura del listello adiacente alla chiglia per ridurre a zero il dislivello sul raccordo.

Quindi occorre per prima cosa armarsi di tanta pazienza e sedersi in un luogo all'aperto e cominciare a levigare lo scafo con carta vetrata. Per questo scopo uso dei blocchetti di legno di forme diverse (da rettangolari a tonde e semitonde) atte a raggiungere tutte le zone dello scafo e rimuovere il materiale in eccesso. Di solito non uso lime o raspe per fare queste cose.

La stuccatura di solito tendo a ridurla al minimo necessario, preferendogli, ove possibile riempire le zone con legno (listelli) o con polvere di legno mista a colla. Ma in alcuni posti non può essere evitata. Nel mio caso penso di utilizzarla dove i listelli si incontrano con la ruota di prua.

Per il primo listello vicino alla chiglia è solo una questione di carteggiare con un mezzo tondo per smussare a zero la congiunzione. Quindi principalmente olio di gomito . . .

Poi una volta finito, una mano di vinilica molto diluita per indurire la superficie del legno e a questo punto si è pronti per il secondo fasciame.

Ma a questo punto spero che il tanto sospirato quarto pacco del Soleil Royal sia arrivato, in modo da mettere in sospeso il Dolphyn e riprendere l'altro cantiere. Cordiali saluti. Jack.Aubrey.



avatar
jack.aubrey
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da jack.aubrey il Dom 27 Giu 2010 - 15:04

Sabato 26 Giugno 2010 - Levigatura del fasciame

Oggi avevo un paio di ore di disponibilità e ne ho subito approfittato per iniziare la levigatura del fasciame. Nella prima fotografia potete vedere i miei ferri del mestiere, cioè dei blocchetti di legno di varie sagome che sono rivestiti con carta abrasiva. Nella mia esperienza sono gli attrezzi, fatti in casa, con i quali mi trovo meglio.



Armato quindi di santa pazienza e dopo essermi sistemato in un luogo all'aperto e ombreggiato (qui fa caldo) ho iniziato a darmi da fare su un lato dello scafo. Piano piano i vari scalini e imperfezioni sono spariti ed il risultato può essere osservato nelle due immagini che seguono.





Alla fine ho terminato un solo lato dello scafo, evidentemente mi serviranno un altro paio di ore per l'altro lato. Ma vorrei approfittare di questo fatto per mostrare come i due lati siano ora decisamente differenti e comunque come ci sia stato un non indifferente lavoro di levigatura nella parte adiacente tra il primo corso di fasciame e la chiglia. Nella prima foto vediamo il lato ancora da trattare . . .



. . . e qui di seguito l'altro lato, quello già levigato. E' evidente la notevole differenza in spessore in questa zona.



Continueremo con il prossimo messaggio, avendo qui raggiunto il numero massimo consentito di immagini. Cordialmente Jack.

avatar
jack.aubrey
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da jack.aubrey il Lun 28 Giu 2010 - 17:21

Colgo l'occasione per completare l'inserimento delle ultime tre immagini a continuazione del messaggio di ieri.
La prua dalla parte ancora non levigata, con tutte le sue cose orribili . . .



E sempre la stessa area, ma dalla parte sinistra, dopo il trattamento dell'altro giorno . . .



In questa immagine invece un esempio, l'unico per ora, in cui ho dovuto ricorrere all'incollaggio di alcuni pezzetti di listello (impiallacciatura mm. 3x0,5) per tappare uno scalino che richiedeva troppo lavoro di levigatura, col rischio di indebolire la zona. Il tutto per non dover usare stucco. Un occhio allenato identificherà immediatamente questi particolari nella foto.






Ritengo anche interessante riportare in questo messaggio questi tre commenti/dubbi ricevuti da un collega modellista. Mi aiuto con la foto qui sotto tratta dai piani del modello. Qualora non fosse grande abbastanza ho inserito anche il link all'immagine più grande.



Full sized image: http://illiweb.com/fa/pbucket.gif

. . vedo che hai lasciato ancora un po' di spessore nella zona dove il 1° fasciame confluisce nel dritto di poppa: anche qui idealmente lo spessore del fasciare dovrebbe azzerarsi in modo che la larghezza dello scafo diventi identica a quella del dritto (a parte dove lo scafo comincia ad allargarsi). Questo perchè il fasciame si incastrava nella battura . .

Credo che l'immagine si commenti da sola, anche se non si riferisce alla zona di poppa: il primo listello del secondo fasciame va posizionato a sporgere oltre il primo fasciame diciamo di un due/tre di millimetri. Conto di evitare di rendere totalmente triangolare il listello del primo fasciame per non indebolirlo troppo e di non ricorrere a stucco come riempitivo. Questo vale al 100% per la zona di prua e centrale, molto meno più ci si avvicina al dritto di poppa. Se necessario potrò sempre ridurre in quest'ultima zona lo spessore prima di applicarci sopra il nuovo listello.

. . poi la stesa cosa dovrebbe valere per il 2° fasciame, ovvero non devono esserci scalini tra il fasciame e la chiglia e tra il fasciame e la ruota di prua e tra il fasciame e il dritto di poppa . .

Anche qui c'è un però: lo scalino è necessario perchè anche la parte sporgente della chiglia verrà ricoperta da un listello, che verrà fissato in piano sul compensato che la compone, come se fosse una continuazione del fasciame. Spero di essere stato chiaro, ma dal disegno si capisce credo abbastanza bene.

. . non sembra che la chiglia sia troppo sporgente, troppo imponente, rispetto alle dimensioni dello scafo? . .

A questo punto l'altezza, o meglio la sporgenza e l'imponenza della chiglia, sarà stata ridotta di quei 2-3 millimetri sufficienti a farla rientrare nelle sue giuste proporzioni, almeno questo mi auguro.

Un ultimo commento: avete letto la data scritta sul disegno ? Significa forse che il progetto è stato eseguito 35 anni fa ? Direi proprio di sì. Ma non pensate che potrebbe essere il caso di un piccolo aggiornamento ? Alla faccia dei produttori di kit. La cosa mi deprime un pò.
avatar
jack.aubrey
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da jack.aubrey il Mer 14 Lug 2010 - 10:51

Martedì 13 Luglio 2010 - Inizia il secondo fasciame

Sono passati una quindicina di giorni dal mio ultimo messaggio e qualcosa di nuovo è stato nel frattempo fatto. Non molto a causa dell'ondata di caldo e afa di questo periodo, ma comunque quello fatto è abbastanza significativo. In breve è iniziata un nuova, importante attività: l'applicazione del secondo fasciame, quello che sarà poi visibile totalmente.

Prima di iniziare è stato comunque necessario terminare la preparazione dello scafo, cioè lisciare la rimanente metà rimasta ancora grezza. Nulla di nuovo di quanto già scritto in precedenza a parte il tempo necessario per eseguire l'operazione.

A questo punto ho iniziato ad applicare i listelli tinti con anilina di color verde. Si tratta di listelli di tiglio da mm. 3x1, due per fiancata (a parte la zona di poppa). Fin qui nessun problema. Per tenerli in posizione sono stati utilizzati dei morsetti.

Poi, a seguire, un listello di noce da mm. 2x2. E in questo caso ho provveduto a mettere a mollo in acqua per un paio di giorni i listelli in modo da poterli piegare abbastanza facilmente nella zona di prua. Prima di incollarli li ho fissati in posizione con dei morsetti e li ho lasciati asciugare in modo che mantenessero la curvatura.

Poi è stata la volta di un listello di palissandro da mm. 4x1. Nell'intenzione del produttore del kit dovrebbe essere un listello rosso (!!). Come legno è molto bello ma secondo me non è adatto a scopi modellistici in quanto sono presenti delle piccole incisioni dovute alla venatura che si notano troppo. Si notano invece poco o niente nelle foto qui proposte, ma dal vivo si notano benissimo. Comunque un bel legno duro e oleoso.

Quindi un altro listello di noce 2x2 applicato con lo stesso procedimento del precedente e infine sempre tre listelli di palissandro 4x1. Alla fine ho rifinito i sabordi dei cannoni con limette ad ago varie.

Ecco alcune immagini fatte un pò di fretta e sopratutto con uno sfondo molto intonato (!).











Un particolare da sottolineare è il seguente: per applicare e tenere in posizione gli ultimi tre listelli di palissandro, non ho potuto utilizzare i morsetti.
D'altro canto, trattandosi di listelli dello spessore di 1 millimetro, quindi più spessi del solito 0,5 utilizzato per il secondo fasciame (chissà perchè qui hanno scelto listelli più spessi) dovevo per forza trovare un modo per tenerli fermi.
Ho dovuto utilizzare in punti strategici dei chiodini temporanei. E per poter piantare i chiodini senza rischiare che il listello si aprisse (legno duro), ho preferito fare con il minitrapano un foro prima di piantare il chiodo, del diametro adatto.
A colla asciugata ho poi rimosso il chiodino, comunque mai piantato totalmente.

Carteggiando leggermente il listello viene prodotta della polvere di legno, molto fine, che ho lasciato penetrare nel piccolo foro. Quindi ho passato una mano di colla vinilica molto diluita sul listello senza soffiare la polvere infilata nel foro. Una volta asciutta la colla il foro è quasi totalmente scomparso e tappato, in quanto la polvere è ora cementata dalla colla, ed è possibile carteggiare in via definitiva.

Un cordiale saluto. Jack.Aubrey
avatar
jack.aubrey
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da jack.aubrey il Gio 15 Lug 2010 - 15:00

Altre immagini sempre dello stesso periodo.











Ora c'è da montare la cinta, costituita da due listelli di noce 4x2 applicati affiancati in modo da costituire un'altezza complessiva di 8 millimetri. Poi ci sarà il fasciame di tanganica su tutta la restante parte dello scafo.

Applicare senza nessun artificio il listello 4x2 della cinta non è possibile a causa della curva abbastanza pronunciata della prua. Ho quindi proceduto nel seguente modo:

- ammollo dei listelli necessari in acqua per (ho esagerato forse . . ) ben 3 giorni;
- con un utensile che vi mostrerò appana possibile ho preso la curva esatta della prua nella zona della cinta;
- ho riportato la curva ottenuta su una tavoletta di dimensione adeguata di truciolato da mm. 10 di spessore;
- ho ritagliato la tavoletta seguendo la curva rilevata ottenendo due pezzi combacianti;
- ho inserito nel mezzo i due listelli della cinta;
- delicatamente ho chiuso i listelli tra le due dime, ho fissato con elastici;
- il tutto ad asciugare per un paio di giorni, e la curvatura è fatta permanentemente . .

seguirà, spero, servizio fotografico. E' tutto per oggi. Jack.Aubrey
avatar
jack.aubrey
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da jack.aubrey il Ven 16 Lug 2010 - 22:25

Nel mio ultimo messaggio ho cercato di spiegare il procedimento che ho utilizzato per piegare i due listelli di noce 4x2 dandogli la forma dello scafo, almeno nella zona più critica.

Vorrei con questo messaggio spiegare anche visivamente come ho proceduto, avvisando però che per ottenere il risultato, occorre avere pazienza e pianificare per tempo il lavoro, altrimenti si rimane fermi ad attendere.

Vorrei anche sottolineare l'importanza di installare le cinte in modo perfetto, in quanto sono particolari altamente visibili e se non sono applicate più che bene l'errore viene immediatamente evidenziato.

Ieri ho applicato la cinta su un lato del modello, ma non ho immagini da mostrare, lo farò solo quando anche l'altro lato sarà completo. Per ora mi limiterò ad illustrare il processo di piegatura dei listelli.

Per prima cosa occorre prendere una dima della forma dello scafo nella zona prodiera. Ho utilizzato l'attrezzo mostrato nella fotografia che segue. Qui e riprodotto nello stato "a riposo".



Appoggiando l'attrezzo nella zona dove occorre rilevarne la forma, esso prende la forma dello scafo in quel punto. Qui è visibile nella parte sinistra dell'attrezzo. Facendo attenzione a non spostare i ferretti di metallo, si riporta la forma sulla tavoletta di legno che diventerà così la nostra dima.



Questa terza immagine mostra la dima ritagliata e pronta all'uso.



Si prendono quindi i due listelli che sono stati in ammollo per qualche giorno e delicatamente si serrano tra le due dime. Si fissa poi il tutto con un paio di elastici e si mette ad asciugare per un pò di tempo (nel mio caso un paio di giorni).



Quando è il momento d utilizzarli, si liberano i listelli dalla loro dima e si utilizzano. Come potete vedere hanno mantenuto la forma desiderata ed in questo modo la loro installazione è semplicissima.



Spero sia tutto chiaro. Un cordiale saluto. Jack.Aubrey
avatar
jack.aubrey
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da brggpl il Sab 17 Lug 2010 - 9:14

ciao Jack Very Happy
se hai intenzione di produrre e commercializzare l'ingegnoso attrezzo, mi prenoto. Idea
(in alternativa potresti spiegare come è fatto)
sempre complimenti per i dettagli che fornisci e saluti. jocolor
avatar
brggpl
Responsabile glossario sostenitore
Responsabile glossario sostenitore


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da pavel il Sab 17 Lug 2010 - 19:06

mi associo alla richiesta di brggpl Very Happy
avatar
pavel
Nuovo Utente
Nuovo Utente


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da jack.aubrey il Lun 19 Lug 2010 - 15:17

brggpl ha scritto:se hai intenzione di produrre . . . . (in alternativa potresti spiegare come è fatto)
pavel ha scritto:mi associo alla richiesta . . . .
Si tratta di un attrezzo che ho trovato tempo fa presso un Bricocenter o Castorama e che serve per rilevare la forma esterna di oggetti o qualsivoglia altro per poi poterne tracciare il profilo su un foglio o su un pezzo in legno allo scopo di ritagliarne il contorno. Purtroppo non ne conosco il nome.

Come si può vedere dalla prima immagine l'attrezzo è costituito da una specie di pettine di tondini metallici tenuti insieme tra di loro da un corpo centrale.
I tondini metallici sono tenuti in posizione dal corpo centrale e non sono fissi, ma mobili. Premendo l'attrezzo contro l'oggetto di cui si vuole rilevare il profilo, il pettine si adatta alla forma e quando tutto è a posto, traccia in modo preciso la forma stessa dalla parte opposta. A questo punto è possibile (senza spostare i dentini del pettine) tracciare il profilo su un foglio di carta o di legno. Nel mio caso è esattamente quanto ho fatto per disegnare la curva precisa dello scafo nel punto dove si dovrà fissare la cinta. Una volta utilizzato basta pareggiare i denti del pettine ed è pronto per un'altra rilevazione.

Spero di aver chiarito. Jack.




Sabato 17 Luglio 2010 - La cinta

Venerdì e sabato ho proseguito il lavoro su questo modello installando la famosa cinta preparata come descritto nel mio precedente messaggio. E' evidente che con quel pò pò di preparazione la cosa è stata relativamente semplice ma ho comunque dovuto utilizzare alcuni chiodini, fino a colla essiccata, in posti strategici, come ho già descritto sempre in precedenza in un altro messaggio.

Successivamente ho iniziato ad installare alcune file di corsi di secondo fasciame a scendere verso la chiglia. In questo caso si tratta di listelli di tanganica 0,5x3 tagliato ad una lunghezza massima di 16 centimetri. Nella realtà dovrebbero essere delle assi di 15 centimetri di altezza e di 8 metri di lunghezza. Ho deciso di utilizzare (ho deciso perchè si tratta di un modello di "fantasia", probabilmente mai esistito dal vero, quindi ho fatto di testa mia) un "pattern" che si ripete ogni quattro corsi con uno schema simile a quello dei ponti.

Il colore del tanganica mi sembra un pò chiaro. Se il tutto risulterà troppo evidente e quindi non troppo realistico, vedrò di pitturare l'opera viva con il classico color panna delle vernici usate a quei tempi. Parlo di vernici e non di piastre di rame in quanto nel 1750 non erano ancora state adottate dalle marinerie (in questo caso quella olandese) in modo indiscriminato.











Alla prossima occasione. Jack.Aubrey
avatar
jack.aubrey
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da Scubaleo il Lun 19 Lug 2010 - 16:59

Ciao a tutti!

Questo è un lavoro per Lellosauro!! Wink
Link

Saluti da Scuba!!!


_________________
Un capitano non abbandona mai la propria nave!
Prendi una canzone triste e rendila migliore.

Regolamento Forum: http://www.forumscuoladimodellismo.com/regolamento-f8/regolamento-del-forum-t274.htm
Guida pubblicazione video e immagini: http://www.forumscuoladimodellismo.com/guida-alla-pubblicazione-delle-immagini-f12/
E-mail amministrazione: info@scuoladimodellismo.it

Lo Staff di Scuola di Modellismo:


avatar
Scubaleo
Amministratore
Amministratore


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da pavel il Lun 19 Lug 2010 - 20:01

grazie per la spiegazione , ora e tutto chiaro Very Happy
avatar
pavel
Nuovo Utente
Nuovo Utente


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da jack.aubrey il Mar 20 Lug 2010 - 15:06

Due ulteriori immagini di dettaglio della fiancata e della parte prodiera. Da notare che uno dei prossimi lavori sarà quello di colorare nello stesso colore rosso degli scalmotti anche lo spessore delle murate all'interno dei sabordi.





Ed ora veniamo allo specchio di poppa. Il kit fornisce in fusione metallica tutto lo specchio di poppa. Esso deve essere fissato in posizione dopo aver applicato all'interno delle due aperture delle finestre una pellicola di plastica trasparente. Ovviamente il fondo dello specchio di poppa andrà colorato in modo da dare la sensazione del buio all'interno delle finestre.

Ma qui ho incontrato una sorpresa: lo specchio di poppa così come è venuto seguendo rigorosamente il progetto è piatto, mentre la fusione metallica ha una forma bombata.

Le due cose non vanno assolutamente d'accordo e quindi ho provveduto a costruire alle due estremità (superiore e inferiore) dello specchio di poppa due pezzi posticci, opportunamente sagomati, sempre con il rilevatore di forme descritto in precedenza. I due elementi aggiuntivi sono visibili nelle foto che seguono.







Il problema ora è che il casseretto dovrebbe essere ri-listellato in quanto una parte è scoperta, a meno di un'altra soluzione, ovviamente plausibile.
Vedremo più avanti cosa si potrà fare, sono in teoria possibili diverse soluzioni che possono nascondere la parte posticcia. Ho poi rivestico con listelli la parte sottostante allo specchio di poppa, con listelli di sapelli in corrispondenza della scriscia di palissandro (purtroppo finito!!) e di tanganica più in basso. Mancherebbe al momento un listello più spesso in corrispondenza della cinta per completare il tutto. Devo solo trovare quello più adatto.

Per il momento è tutto. Forse oggi riprendo a fare qualcosa di nuovo. Jack.
avatar
jack.aubrey
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da jack.aubrey il Dom 25 Lug 2010 - 15:16

Venerdì 23 Luglio 2010 - Capo di banda

Durante questa settimana ho lavorato principalmente alla preparazione ed all'installazione del capo di banda.

Per i neofiti ecco la definizione di questo particolare data da Pier Maria Giusteschi Conti nel suo Vocabolario della Lingua Marinaresca: Capo di Banda (anche frisata o listone) - Orlo superiore delle murate di qualsiasi imbarcazione. Nelle imbarcazioni prive di impavesata il - può coincidere con la suola e con il trincarino, con i quali è spesso confuso (francese: lisse d'appui, inglese: gunwale).

Sul Dolphyn abbiamo una zona (la maggior parte dello scafo a partire da prua, dove esiste l'impavesata, mentre nella parte poppiera, dove è posizionato il casseretto, l'impavesata non esiste.

Per costruire questo particolare dovevo utilizzare un listello di faggio da mm. 3 x 6. Il problema principale che si presentava era quello di piegare questo listello dalla parte della larghezza uguale a mm. 6, specialmente nella zona di prua. Un'operazione secondo me al limite del possibile, forse addirittura non possibile con metodi artigianali.

Allora ho optato per una soluzione diversa. Invece di usare un listello 3 x 6 o usato due listelli 3 x 3 incollati affiancati. In questo modo ottenevo la stessa misura richiesta ma potevo tentare di piegare i listelli con alte probabilità di successo.

Vediamo come ho proceduto in dettaglio.

1) Per prima cosa ho messo in ammollo in acqua i listelli per un paio di giorni.
2) Nel frattempo ho preparato alcune dime nello stesso modo utilizzato alcuni giorni fa per piegare i listelli della cinta.
3) Ho provato a piegare separatamente i listelli di faggio per saggiarne la capacità di curvarsi.
4) Dopo quest'ultimo controllo ho incollato i due listelli 3 x 3 tra di loro e li ho stretti all'interno della dima che è stata bloccata.
5) Ho lasciato asciugare perfettamente la colla ed il legno per alcune ore e finalmente ho sbloccato le dime e staccato il capo di banda che ha mantenuto invariata la sua forma.

Dimenticavo di dire che per evitare di trovarmi il listello incollato al fondo avevo preventivamente sistemato del nastro adesivo tra il fondo del tavolo e i listelli di faggio.

La parte centrale è piuttosto diritta quindi non ha presentato problemi mentre la parte poppiera ha dovuto essere trattata nello stesso modo della prua, anche se con molto meno problemi.

La fase finale del'operazione, cioè l'incollaggio del capo di banda sullo scafo è stata ordinaria amministrazione.

Appena possibile seguiranno delle immagini. Un cordiale saluto. Jack.Aubrey



Domenica 25 Luglio 2010 - Capo di banda

Oggi ho scattato alcune immagini relative al capo di banda installato sul Dolphyn.

Due immagini di dettaglio della zona di prua. Da notare la mancanza di una piccola parte del capo di banda all'estrema prua della nave, sopra i due scalmotti che in questo caso si chiamano apostoli. Questo particolare non è stato installato perchè prima di poterlo fare devo decidere, osservando i disegni, come si inserisce nella prua il bompresso. Quindi in questa zona occorre aspettare ancora un poco.





Qui invece ci sono due immagini di poppa. Da sottolineare due cose: la finitura del casseretto nell'estrema poppa, dove avevo aggiunto (vedere messaggi precedenti) dei particolari bombati per dare la forma giusta alla poppa per installare le decorazioni in fusione metallica (per una volta tanto non fanno totalmente schifo) dello specchio di poppa. Alla fine è stato più semplice del previsto nascondere sotto un listello 2 x 3 il fasciame mancante del casseretto.

L'altro particolare è la zona di congiunzione tra il capo di banda "basso" e quello "alto". Qui non c'è modo di piegare un listello 3 x 6. Occorre modellare un blocchetto di legno nella forma adatta e poi fissarlo. Anche qui un lavoro ancora da completare.





Segue . . . cordiali saluti. Jack.



avatar
jack.aubrey
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da jack.aubrey il Mar 27 Lug 2010 - 15:43

Martedi 27 Luglio 2010

Altre tre immagini d'insieme del modello. Nulla di nuovo relativamente al post precedente. Sullo sfondo un altro cantiere, quello del Soleil Royal. Notare la differenza di dimensioni.







Nei prossimi giorni darò la precedenza a Soleil Royal, visto che ho finalmente ricevuto il pacco numero 4. Comunque apprendo con apprensione che qualcun'altro ha ricevuto proprio oggi il pacco numero 7 !!!! Saluti. Jack.
avatar
jack.aubrey
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da jack.aubrey il Dom 1 Ago 2010 - 18:43

Venerdì 30 Luglio 2010

Dopo tanto tempo passato a lavorare il legno oggi ho speso una mezz'oretta a ritoccare gli scalmotti e a dipingere lo spessore dei sabordi di rosso. Ecco illustrato il risultato finale qui sotto.

Un altro particolare, dimensionalmente insignificante, è il raccordo curvato tra il capodibanda che delimita la zona del casseretto e quello, più basso, che copre l'impavesata del ponte principale. Si tratta di faggio ritagliato nella forma precisa, incollato e rifinito una volta asciutta la colla con limette di varie forme.











Null'altro di nuovo. Cordialmente saluto, Jack.
avatar
jack.aubrey
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da jack.aubrey il Lun 16 Ago 2010 - 12:52

Martedì 10 Agosto 2010 - Chiglia e secondo fasciame

In questo periodo ho abbandonato per qualche giorno il cantiere di questo modello per dedicarmi al cantiere del Soleil Royal ma ormai ho terminato il materiale arrivatomi con il nuovo pacco della DeA e sono quindi ritornato al Dolphyn.

Questo "zapping" tra un cantiere e l'altro, dovuto al ciclo mensile delle consegne dei pacchi del Soleil Royal, mi piace . . mi dà la possibilità di lavorare a qualcosa di diverso senza annoiarmi e nel contempo mi ritrovo a pensare al lavoro lasciato in sospeso, così quando lo riprendo, ho già ragionato diverso tempo su come procedere e si sembra che il tutto funzioni meglio. Sicuramente qualcun'altro la penserà diversamente ma con me l'approccio sembra funzionare.

E veniamo al Dolphyn. Come anticipato, ho ripreso l'applicazione del secondo fasciame nella zona della cinta in giù. Si tratta di installare listelli di tanganica (purtroppo un pò troppo chiaro per i miei gusti) da mm. 3 x 0,5 e di una lunghezza di circa 16 cm. Il fasciame viene applicato secondo un pattern che si ripete ogni quattro file di listelli.

Tempo fa avevo già installato su entrambi i lati dello scafo quattro corsi di listelli, a scendere partendo dalla cinta. Per prima cosa ne ho aggiunto altri quattro sempre a scendere, ma ben presto ho capito che non potevo procedere oltre con questa modalità. Ho di conseguenza deciso di applicare i corsi dalla chiglia a salire.

Ma prima è stato necessario sistemare la chiglia, che essendo in compensato (anche se nobilitato) mostrava la sua umile origine se osservato nel suo spessore. Ho quindi deciso di ricoprire tutta la chiglia con dei listelli di impiallacciatura (0,5 mm.) in noce chiaro in modo da non vedere il legno sottostante. Nella seconda immagine si nota molto bene come sia ancora mancante la copertura sullo spessore della chiglia a prua.

La tecnica utilizzata è stata la seguente:
- installazione dei listelli sui due lati della chiglia,
- a colla asciutta, levigatura delle eccedenze,
- installazione dei listelli sullo spessore della chiglia,
- a colla asciutta, levigatura delle eccedenze laterali.
La levigatura è stata eseguita con blocchetti abrasivi usati in modo da mantenere il più possibile vivo lo spigolo.

A questo punto è stato possibile iniziare l'applicazione dei corsi di fasciame a partire dalla chiglia a salire. Al momento ne ho applicati quattro su un bordo e otto sull'altro. Le immagini mostrano il modello sul lato dove ci sono più listelli.











Il lavoro dovrebbe continuare nei prossimi giorni, ma sono sorti dei problemi di salute con mia madre che non mi permettono di fare delle previsioni. Basta dire che ha eguagliato il record di Michael Schumacher: lui ha vinto sette mondiali in Formula 1, mia madre è riuscita a rompersi sette costole cadendo tra il water ed il bidè. Comunque la vita continua. Un cordialissimo saluto dal vostro Jack.

Ciao Jack, ho eliminato la sesta foto dato che da regolamento non si possono inserire più di 5 foto.
Un saluto
Sandro

avatar
jack.aubrey
Forumnauta
Forumnauta


Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dolphyn - Privateer Olandese - 1750 - (jack.aubrey)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum